CHIUDI
CHIUDI

16.04.2019

Capra: «Non pagheremo i calcoli errati di Aprica»

L’assessore Fabio Capra
L’assessore Fabio Capra

Il rendiconto 2018 è stato approvato ieri col voto favorevole della maggioranza. A spingere la minoranza a votare no svariati temi, in particolare quello degli extracosti della raccolta differenziata, emersi nei conti di Aprica (A2A), per gli anni 2017 e 2018. Massimo Tacconi della Lega ha letto la relazione al Bilancio della società, in cui si parla di «mancato riconoscimento da parte del comune di Brescia dei maggiori costi sostenuti, rispetto al Pef (Piano economico finanziario), per la nuova metodologia di raccolta differenziata entrata a regime nel 2018 (4,4 milioni di euro) e 2017 (2,8 milioni)». L’ASSESSORE al Bilancio Capra ha ribadito come queste parole non siano Vangelo, ma la posizione di Aprica che in base ad un contratto di servizio svolge le operazioni di raccolta. «Con Aprica stiamo trattando, per ora sul 2017. Quel che è certo è che il Comune non ha intenzione di dare quei soldi. Quanto letto in aula evidenzia i costi sostenuti dalla società per il servizio. E come è stato fatto e a quali costi è un problema non nostro ma di Aprica». Capra ha spiegato che l’accordo potrebbe essere intorno al milione e mezzo, rateizzato su 10 anni. Operazione criticata dall’opposizione: Ghidini (5S) ha ricordato un parere tecnico secondo cui gli errori di imputazione delle spese per la raccolta non possono essere inclusi negli anni successivi, pena il concorso alle spese di utenti diversi da quelli che hanno fruito del servizio».

E.B.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1