CHIUDI
CHIUDI

06.06.2020 Tags: Brescia

Caserma «Papa», via alla progettazione

L’ingresso principale della ex caserma Papa all’angolo tra via Oberdan e via Franchi
L’ingresso principale della ex caserma Papa all’angolo tra via Oberdan e via Franchi

Il primo progetto di una caserma tra via Oberdan e via Franchi è del 1931. Sarà intitolata al generale Achille Papa, alpino medaglia d’oro, caduto nel 1917 sulla Bainsizza. Ospitò inizialmente battaglioni corazzati. Il secondo progetto della «Papa» non c’è ancora, ma c’è il bando demaniale per la progettazione, pubblicato sulla Gazzetta europea e da qualche giorno online sul profilo del committente www.agenziademanio.it, sul sito del Ministero delle Infrastrutture. Con il bando, che scade il 9 luglio, si può dire che dopo le parole si sia passati ai fatti. Anche se non è scontato che i fatti accadano. Il Demanio è impegnato a stanziare l’occorrente per l’opera, ma sottolinea nel bando, di aver richiesto la disponibilità finanziaria nell’ambito del piano budget 2020 ma, che per procedere all’affidamento dell’appalto, dovrà intervenire l’approvazione definitiva. QUANTO COSTERÀ riqualificare la caserma? Le cifre ipotizzate sono queste: la base di gara per la progettazione definitiva e esecutiva, più direzione lavori e coordinamento della sicurezza è di 2.898.190 euro. Ma la spesa finale stimata dall’Agenzia del Demanio è di poco superiore ai 25 milioni di euro. Perché invece si ristrutturano i circa 39mila metri quadrati dell’area è cosa nota: la caserma diventerà la sede della Guardia di Finanza, della Motorizzazione civile e della Dogana, che lasceranno - quando? Potrebbe essere tra il 2023 e il 2024 - le rispettive attuali sedi di via Milano, via Grandi e Don Bosco. Erano alle strette? A disagio? Certo non si tratta, a partire dalla caserma Leonessa delle Fiamme Gialle, di strutture moderne, ma a monte c’è soprattutto il disegno di razionalizzare e accorpare gli uffici periferici dell’amministrazione statale. Realizzare «cittadelle dei servizi» per l'ottimizzazione gli spazi in uso alle Pubbliche amministrazioni «e ottenere la riduzione della spesa per locazioni passive, grazie al recupero di immobili pubblici sottoutilizzati». Il progetto della ex caserma Papa si inscrive appunto in questo disegno. «I lavori mirano, dunque, alla riconversione funzionale del comparto edilizio in servizi istituzionali - sottolinea il Demanio nel bando - previa bonifica/gestione dei riporti storici del sottosuolo dell’intera area del compendio analizzati nella campagna d’indagine del dicembre 2019, attraverso il recupero edilizio di tre immobili esistenti: la palazzina Comando, la Mensa e il Magazzino e, previa demolizione dei volumi privi di valore estetico e funzionale, la realizzazione di nuovi spazi che serviranno a soddisfare le nuove esigenze». SULLA CASERMA, che venne abbandonata dall’esercito circa a metà dell’ultimo decennio del secolo scorso, si erano fatte varie ipotesi prima di questa. Data la proprietà demaniale c’era stata ad esempio la proposta di realizzare su quel sedime il tanto atteso nuovo carcere di Brescia. In via provvisoria invece nell’estate del 2012 aveva aperto Open, locale pubblico che ballò pero una sola stagione. Nello scorso febbraio Loggia e Demanio avevano creato le condizioni urbanistiche per il bando di questi giorni, sottoscrivendo la convenzione. E risolvendo i problemi di viabilità legati sia alla concentrazione di mezzi pesanti che i lavori di ristrutturazione richiederanno sia quella di utenti legata alla presenza futura di tanti uffici. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Eugenio Barboglio
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1