CHIUDI
CHIUDI

10.07.2020 Tags: Brescia

Cre, un regalo
ai bimbi: «Presto
mascherine via»

Scherzano l’assessore Capra e il sindaco Del BonoI bambini in festa all’oratorio al centro ricreativo estivo della Torricella SERVIZI FOTOLIVELe attività riempiono la giornata dei ragazzi coinvolti dall’iniziativaIl «vaso di Pancovid»Una mattinata di allegria
Scherzano l’assessore Capra e il sindaco Del BonoI bambini in festa all’oratorio al centro ricreativo estivo della Torricella SERVIZI FOTOLIVELe attività riempiono la giornata dei ragazzi coinvolti dall’iniziativaIl «vaso di Pancovid»Una mattinata di allegria

La battaglia estiva contro il virus l’hanno vinta i Centri ricreativi estivi. E con loro, dunque, l'hanno vinta il divertimento dei bambini, la musica, i giochi, e ovviamente i genitori che non hanno la preoccupazione di dove lasciare i propri figli, sapendoli invece in una delle 23 sedi, 11 in scuole primarie e 12 in scuola dell'infanzia, ramificate in tutta la città. E ieri la sorpresa per i bambini presenti al centro ricreativo della scuola primaria Torricella in viale Colombo 30 è stata la visita del sindaco Emilio Del Bono e dell'assessore all'istruzione Fabio Capra, accolti con sorrisi, canti, balli e un inno di Mameli cantato all’unisono. UN’ACCOGLIENZA, unita alla soddisfazione per la riuscita del progetto, che ha smosso Del Bono: «Voi bambini non siete solo il futuro – ha commentato il primo cittadino -, ma siete anche il presente, siete l’orgoglio della città. Senza le vostre urla e i vostri giochi la città è vuota». La soddisfazione, si diceva, per la riapertura dei Cre sta nelle parole e nei numeri presentati dall’assessore all’istruzione Fabio Capra: «Questi centri rappresentano un successo di cui siamo particolarmente contenti – ha dichiarato Capra -, sia per il numero, sia per la qualità del servizio, molto apprezzato dalle famiglie. Ci tengo inoltre a sottolineare una cosa: i bambini presenti approfittano dei centri estivi per imparare prassi e comportamenti che saranno molto utili quando, il 14 settembre, inizierà la scuola. Le maestre tra l’altro riferiscono che l’apprendimento da parte dei bambini è rapido e soddisfacente, soprattutto in considerazione del fatto che viene condiviso anche a casa con i familiari. Il numero molto alto di iscrizioni (sono 1700, considerando tutti i posti disponibili fino ad agosto, ndr) è favorito dal fatto che ci sono stati una diffusione più capillare rispetto all’anno scorso e un contenimento delle tariffe, che vanno dai 20 ai 95 euro a settimana, da parte del comune». TUTTI DETTAGLI che si inginocchiano davanti al divertimento dei bambini, che nel loro «vaso di Pancovid» di cartapesta hanno rinchiuso i fantasmi di una quarantena probabilmente non compresa fino in fondo, ma che per loro ha rappresentato semplicemente la lontananza dagli amici. Anche il sindaco Del Bono, subissato di domande e curiosità, viene invitato ad esprimere il suo pensiero sulla quarantena e a spiegare il suo ruolo di primo cittadino: «Il mio lavoro – esemplifica il sindaco – consiste nel risolvere le difficoltà dei cittadini. Per uscire dalla quarantena noi della giunta abbiamo fatto un pezzo del cammino con la città, l’abbiamo presa per mano». Giorgia, che si appresta ad affrontare la quarta elementare, vorrebbe sapere quando si potrà girare senza mascherina, Mark chiede se sia difficile gestire la popolarità del ruolo di sindaco, e via con tante altre curiosità, che Del Bono soddisfa: «All’aperto potremo probabilmente girare senza mascherina dal 15 luglio, in attesa di decreti ufficiali. Per quanto riguarda la “fama”, sì, mi piace nel rapporto che mi dà con i cittadini. È vero che io lavoro magari per sistemare un edificio, ma lo scopo è metterlo al servizio della gente, che viene sempre prima di tutto. Le istituzioni e i politici vanno e vengono, ma quello che ti danno le persone resta davvero per sempre e ti cambia la vita». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Vincenzo Spinoso
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1