CHIUDI
CHIUDI

09.08.2020 Tags: Brescia

Da Roma 226 milioni Anche il Centro Covid è pronto a partire

Un check point sanitario al Civile nei mesi caldi della pandemia
Un check point sanitario al Civile nei mesi caldi della pandemia

Dopo i finanziamenti regionali, ecco quelli statali. La settimana prossima arriveranno alle Asst i capitolati degli interventi sulle terapie intensive e subintensive contenuti nel «Piano di riorganizzazione degli ospedali lombardi». Un Piano da 226 milioni di euro formulato a giugno allo scopo di strutturare gli ospedali in vista dell’emergenza epidemica, che si chiami seconda ondata del Covid o altro. Terapie intensive ma non solo: nel Piano sono segnalati e finanziati anche interventi sui Pronto soccorso che durante le settimane più difficili hanno sfiorato il collasso, per usare un eufemismo. Più di 11 milioni di euro solo per Civile, Chiari, Esine, Manerbio, Desenzano, Gardone, Montichiari... TRA QUESTI interventi, per Brescia il maggiore può essere considerato il Centro Covid: 170 posti letto nella ristrutturata scala 4 del Civile che, dopo molte polemiche - gran parte del corpo dei medici e infermieri erano e sono molto scettici, a cominciare dagli Ordini professionali -, questa settimana riceveranno l’autorizzazione regionale. Dunque, sono due i Piani e due le linee di finanziamento per la riqualificazione ospedaliera, indipendenti l’uno dall’altro. Quello tutto regionale, approvato l’altro ieri dalla Giunta Fontana, e che mette a disposizione del patrimonio ospedaliero lombardo 259 milioni di euro, di cui 34 da investire nelle strutture sanitarie della provincia di Brescia (22 sugli Spedali Civili). E il Piano che risale a giugno, costruito sulla scorta delle richieste e delle esigenze delle singole Asst, e che sappiamo essere stato appena approvato dal Ministero di Speranza. Un Piano, questo, di 226 milioni di euro, leggermente modificato rispetto al documento predisposto a metà giugno. Integrato da correzioni del Ministero e dal recepimento di alcuni interventi ai Pronto soccorso del Civile e di Desenzano e Manerbio che nella prima versione non comparivano (come raccontò Bresciaoggi, infatti, i documenti dei progetti inviati dall’Asst del Garda e dei Civili sfuggirono all’attenzione di Palazzo Pirelli, restando perciò esclusi dal Piano sottoposto al vaglio ministeriale). Agli Spedali Civili sarà un autunno che dal punto di vista dei cantieri si potrà dire caldo. Ma, dal momento che all’orizzonte c’è la riprogettazione completa del Satellite è quasi soft. Da un lato la realizzazione del Dipartimento di emergenza e urgenza e della Nuova Dialisi, dall’altro i cantieri per soddisfare le esigenze di adeguamento delle Rianimazioni e Pronto soccorso al rischio epidemico, infine il Centro Covid annunciato nello scorso aprile. CON L’OK MINISTERIALE e le procedure regionali di autorizzazione non resterà che aprire i cantieri. Se non che prima vanno fatti i bandi di gara per l’assegnazione dei lavori, che a quanto pare, saranno gestiti direttamente dal commissario straordinario Arcuri. Per poli ospedalieri come i Civili si apre una stagione di grandi opere, e a quelle messe a progetto si sommano le pregresse. Mentre si pensa a rivoluzionare il Satellite per farne l’ospedale pediatrico, deve ancora partire il project finacing, che risale al 2012, per la riqualificazione dei padigioni 5 e 6, adeguandoli alle norme antisismiche. «Sono molto contento per Brescia» è il commento di Marco Trivelli, ora direttore generale della Sanità lombarda ma dg agli Spedali Civili nei giorni più tremendi dell’emergenza virale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Eugenio Barboglio
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1