CHIUDI
CHIUDI

23.08.2019

«Degrado e abusivi
nell’ex chiosco
Venga abbattuto»

Gianpaolo Natali, Fratelli d’Italia
Gianpaolo Natali, Fratelli d’Italia

Degrado e abusivismo in via Volturno, negli spazi dell’ex vivaio dove i banchi di fiori, frutta e verdura hanno negli anni lasciato spazio all’abbandono e allo sfacelo. Dopo la denuncia lanciata da Bresciaoggi lo scorso luglio, con un reportage sui «fantasmi» che oggi popolano quel luogo, è Gianpaolo Natali, consigliere comunale di Fratelli d’Italia e membro della commissione Sicurezza del Comune a lanciare l’allarme.


SECONDO Natali non si può più perdere tempo: «Siamo al degrado più completo - commenta -. Nell’ex chiosco in lamiere ormai deteriorate albergano abusivamente cittadini italiani e stranieri, abbandonati a se stessi e accampati in condizioni fatiscenti, senza servizi igienici, né corrente, né acqua. Per lavarsi utilizzano l’acqua del distributore di benzina sull’altro lato della strada e per i bisogni corporali utilizzano l’area circostante al chiosco, una sorta di latrina a cielo aperto. Mi auguro solo fortemente che qualcuno non stia speculando sulla pelle di queste persone in evidente difficoltà. Ma la cosa che più mi preoccupa, e quindi mi preme denunciare, è lo spaccio di droga che vi si pratica ormai con assiduità e regolarità. Inaccettabile». Polizia locale e carabinieri, rileva Gianpaolo Natali, sono intervenuti più volte «ma nonostante ciò, le attività illecite continuano tranquillamente e alla luce del sole. Mi rendo conto che si tratta di un’area privata e che questo complica le azioni delle forze dell’ordine - conclude il consigliere - ma è ormai necessario un intervento risolutivo diretto ad abbattere la struttura, ripristinare ordine e sicurezza, sistemando gli abitanti abusivi in altra sede più consona, e soprattutto a sgominare lo spaccio di droga. In caso contrario via Volturno si configurerebbe come nuova piazza di traffico di sostanze illegali».


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1