CHIUDI
CHIUDI

15.12.2019

Dissesto idrogeologico Ma Brescia è al sicuro?

Il crollo di una parte della muratura di uno dei baluardi del Castello di Brescia riaccende per un attimo i riflettori sulla questione della prevenzione del rischio idrogeologico in città. Cosa si sta facendo per limitare e contenere le situazioni di potenziale pericolo? Negli anni scorsi, sull’onda dei danni provocati dal maltempo soprattutto nella zona est della città era stata messa a punto una mappa aggiornata degli interventi di messa in sicurezza che non potevano più essere rinviati. Che ne è stato? Poco più di un anno fa l’ex assessore all’Ambiente Gianluigi Fondra in un’intervista a Bresciaoggi si rammaricava che non fossero stati finanziati i 10 milioni preventivati dagli studi per mettere in sicurezza i 500 chilometri di reticolo idrico che attraversano Brescia. Nel frattempo vorremmo sperare che gli interventi siano stati finanziati. Se così non fosse, dopo il crollo di venerdì è meglio pensarci. E in fretta.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1