CHIUDI
CHIUDI

06.08.2020 Tags: Brescia

«Dobbiamo ringraziare Massiah»

«Con Carlo Messina e Gaetano Miccichè abbiamo parlato molto, hanno compreso le nostre richieste, e così da una trattativa rigida, la diplomazia, ha portato alla convergenza. La fusione tra Ubi e Intesa Sanpaolo porterà alla valorizzazione del nostro territorio, ora ci apriamo all’Europa, abbiamo le persone per sederci al tavolo e parlare di futuro». Lo sottolinea Giandomenico Genta, presidente della Fondazione Crc, parlando del futuro dell’ente che deteneva quasi il 6% di Ubi e ora avrà lo 0,6% del nuovo gruppo. «L’OFFERTA iniziale non potevamo accettarla e abbiamo detto di no. Poi le cose sono cambiate con l’integrazione in contanti - ha aggiunto. È importante che ci sia attenzione ai territori, come il nostro, che ha tanto sa dire. Dobbiamo ringraziare Victor Massiah per aver ben capitalizzato Ubi, tanto da determinare l’interesse della prima banca italiana». Genta, in passato, ha criticato la gestione dei dividendi di Ubi. Ora la Fondazione incasserà circa 40 milioni di euro cash grazie all’Opas.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1