CHIUDI
CHIUDI

21.05.2019

Due milioni di euro per l’edilizia scolastica

L’ auditorium della scuola Media Bettinzoli che con un investimento da 52mila euro verrà messo a norma
L’ auditorium della scuola Media Bettinzoli che con un investimento da 52mila euro verrà messo a norma

Oltre due milioni per un totale di quindici interventi di miglioramento dell’edilizia scolastica bresciana. Si lavorerà all’architettura, alla sicurezza, all’impiantistica, alla fruibilità. Non sono, però, tutti soldi comunali, in parte vengono da un bando Miur, in parte da A2A che a sua volta usufruisce di contributi statali per l’efficientamento energetico. Partiranno quasi tutti ai primi di luglio, a banchi vuoti, tranne quelli in due lotti, come spiegato dai tecnici ieri alla commissione Lavori Pubblici, assessore Valter Muchetti. Ci sono azioni importanti e altre piccole, altre attese da tempo. Come finalmente la messa a norma dell’auditorium Bottazzi della media Bettinzoli, per un totale di 52mila euro, che consentirà di richiedere l’agibilità da parecchio negata, utile sia alla scuola che al quartiere. Non solo media, anche la materna Bettinzoli cambierà gli infissi grazie alla Multiutility. Sempre A2A con una grossa spesa rifarà i serramenti alla secondaria Virgilio e all’infanzia Zammarchi. L’impegno più consistente riguarda il risanamento e la riqualificazione energetica della media Tovini e primaria Santa Maria Bambina a San Polo. DA INDAGINI effettuate è stato rilevato che, nonostante il plesso sia stato realizzato negli anni Novanta, il paramento murario esterno è troppo degradato e, per la tutela dei bambini, va rifatto. Data l’entità dell’esborso, 750mila euro, sono stati fissati due lotti, il primo da appaltare in estate per i punti più deteriorati, il secondo da rimandare al 2021. Gli impianti idrici e il riscaldamento verranno rifatti alla primaria Ugolini, le barriere architettoniche saranno eliminate con una piattaforma elevatrice che interesserà la materna e la primaria Diaz. Nel nido Cucciolo, a grande richiesta, verrà ricavato lo spazio per una sezione primavera, ridistribuendo le stanze, mentre l’edificio dell’infanzia Pasquali e nido Abbraccio vedrà impermeabilizzare la terrazza e rifare gli intonaci. UN CANTIERE verrà aperto prima dell’ultima campanella, quello nella ex Casa del custode in via Sabbioneta vicino alla elementare Giovanni XXIII ora abbandonata. Il restauro permetterà la creazione di un «Tempo famiglia» dove i piccoli vanno accompagnati da un parente. Ci sono poi le manutenzioni finanziate dal Miur per l’adeguamento alla normativa antincendio. Ci saranno una nuova scala esterna alla elementare Divisione Acqui e una alla secondaria di primo grado Calvino, una cisterna per l’acqua, che servirà pure il cinema Eden, alla primaria Calini, e un percorso di collegamento alla rete idrica alla Tito Speri, particolarmente complicato per il pregio dello stabile. Una piccola ma importante operazione interesserà la scuola dell’infanzia Tadini per la pavimentazione della sezione primavera. •

Magda Biglia
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1