CHIUDI
CHIUDI

30.09.2020 Tags: Brescia

Folle inseguimento
notturno. Uno
straniero finisce
nei guai

La Volante è intervenuta per bloccare l’automobilista che guidava in modo pericoloso
La Volante è intervenuta per bloccare l’automobilista che guidava in modo pericoloso

Una notte movimentata per la Volante, per il personale della Questura e per tutti coloro che hanno dovuto fare i conti con un’auto in fuga. Alla fine il fuggitivo è stato fermato e arrestato e oggi verrà processato per direttissima. Ma gli sforzi per arrivare a una conclusione della vicenda senza conseguenze gravi per tutti coloro che ne sono rimasti coinvolti sono stati parecchi. I dettagli intorno alla vicenda non sono ancora stati resi noti nella loro interezza proprio perchè solo stamattina è prevista la direttissima. Ma tutto nasce, secondo una prima ricostruzione, quando un’auto viene prelevata da una struttura preposta all’ospitalità nella zona di via Flero. È da lì che sarebbe iniziata, a quanto si è appreso, la fuga lungo le vie della città. Una fuga che ha richiesto un notevole sforzo per essere interrotta e per fare in modo che il conducente venisse bloccato. Ora seguiranno anche gli accertamenti per verificare come tutto ciò possa essere avvenuto. Ma, come sempre in questi casi, l’aspetto più importante è che non ci siano state conseguenze per le persone e questo è sicuramente dovuto alla professionalità dei poliziotti che sono intervenuti. L’INSEGUIMENTO ha avuto inizio intorno alle quattro di notte. È stato a quell’ora che una pattuglia della Volante ha notato l’auto mentre viaggiava a velocità sostenuta in via Turati. Come sempre accade in questi casi i poliziotti hanno più volte intimato l’alt, ma senza ottenere risultati. Anzi l’auto ha accelerato nel tentativo di sottrarsi al controllo. Ma i poliziotti non hanno desistito anche nella consapevolezza che un automobilista che stava guidando in quel modo avrebbe rappresentato un pericolo per tutti gli altri. Così, poco dopo l’hanno raggiunto. Inevitabile a quel punto l’arresto per resistenza. Oggi, quindi il processo per direttissima. Davanti al giudice, a quanto si è appreso, finirà un cittadino straniero. Sono comunque diversi gli aspetti da approfondire e certamente non banale è il modo in cui l’automobilista arrestato è riuscito a impossessarsi della vettura utilizzata per la fuga. Da verificare poi se fosse in grado di guidare considerato il modo in cui ha condotto la vettura, con imprudenza impressionante, fino a richiedere l’intervento delle pattuglie della Polizia di Stato. Una direttissima non semplice quindi quella che si terrà stamattina in tribunale: si dovrebbe prendere conto solo di danneggiamenti e non di ferimenti. L’orario in cui tutto è successo è stato tale da evitare che in circolazione ci fossero poche altre auto. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mario Pari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1