CHIUDI
CHIUDI

25.06.2019

Fondazione Civile: Comune nell’assemblea, non nel Cda

Ieri la Fondazione ha ufficializzato l’ingresso del Comune
Ieri la Fondazione ha ufficializzato l’ingresso del Comune

La Fondazione Spedali Civili da ieri ha un socio in più: è il Comune di Brescia, entrato formalmente fra i soci partecipanti della nuova realtà, con un contributo di 5 mila euro. L’ingresso della Loggia, già ratificato dal Consiglio comunale, è stato ufficializzato nella seduta della Fondazione Spedali Civili di ieri pomeriggio, presenti il sindaco Emilio Del Bono accompagnato dalla consigliera delegata per la sanità, Donatella Albini. Il Comune entra quindi nell’assemblea dei soci partecipanti, ma non rappresenterà direttamente l’assemblea nel Consiglio di amministrazione che guida la fondazione. Dei 7 membri presenti in Cda, infatti, sei sono nominati dall’Asst Spedali Civili e dai soci fondatori (le fondazioni Beretta, Lonati, Nocivelli, Comunità Bresciana), mentre uno deve essere l’espressione dell’assemblea dei soci partecipanti (che sono oltre una ventina tra Loggia, realtà imprenditoriali, cooperative). IERI I SOCI hanno deciso di convergere su una figura di estrazione imprenditoriale per rappresentarli in Cda. «È stata una decisione condivisa, che si basa sulla considerazione che il ruolo più consono per il Comune – così come per l’Università – sarà all’interno del Comitato tecnico scientifico che dovrà dettare le linee di indirizzo sulla ricerca da finanziare e sulle finalità degli studi da sostenere», commenta Albini. «Quella sede sarà la più adeguata per incrociare i progetti da perseguire in ambito scientifico, sanitario e socio sanitario con gli interessi dei cittadini che il Comune è chiamato a rappresentare». La «mission» della Fondazione Spedali Civili è di raccogliere le donazioni provenienti dalla generosità dei cittadini bresciani e non, con l’obiettivo di garantire un’assistenza sanitaria di eccellenza e migliorare il livello delle cure nei presidi di Brescia, Montichiari e Gardone Val Trompia. Finalità perseguite destinando le donazioni all’acquisto di attrezzature tecniche, scientifiche e sanitarie, allo sviluppo della ricerca, al miglioramento delle strutture e alla crescita professionale degli operatori. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

LI.CE.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1