CHIUDI
CHIUDI

28.09.2020 Tags: Brescia

Fossi e strade:
«Puliamo il mondo»
fa centro

Alcuni dei rifiuti recuperati durante le operazioni di pulizia
Alcuni dei rifiuti recuperati durante le operazioni di pulizia

È stato un week-end «green» a Orzinuovi per l’appuntamento con «Puliamo il mondo». Il circolo «Legambiente Valle dell’Oglio di Orzinuovi», con il patrocinio del comune e del Parco Oglio Nord, ha aderito all’iniziativa «Clean Up the World» che dal 1993 ogni terzo week end di settembre, chiama i volontari ad un’azione congiunta per ripulire e valorizzare i propri territori. Questa volta la mobilitazione mirava alla raccolta dei rifiuti abbandonati per strada, nelle aree verdi, lungo le rive dei fossi, nell’intento di portare all’attenzione il problema dell’abbandono sul territorio di ogni tipo di materiali di scarto; così sabato mattina è convenuta al quartier generale nei giardini pubblici di Viale Fabio Filzi una quarantina di volontari, di Orzinuovi, Orzivecchi, Villachiara, Soncino, aderenti ai gruppi Ami (Ambasciatori dei mieli), Controllo del Vicinato, Legambiente, Neta Jurs, Officina dell’Arte, Parco Oglio Nord, Rete Alternativa. Muniti di pettorina, guanti, cappellino, pinza e dell’indispensabile mascherina, i volontari si sono divisi in gruppi e fino a mezzogiorno hanno perlustrato le strade di periferia, verso i campi e il fiume; e il campionario dei rifiuti abbandonati sul ciglio della strada, sulla riva dei fossi e nei campi alla fine ha superato ogni fantasia. In un’area incolta davanti a un ipermercato un gruppo ha pure riempito sette sacchi di guanti anti covid gettati via dai clienti: «I dispositivi di protezione individuale se non smaltiti adeguatamente possono causare danni ambientali e problemi sanitari» osserva il presidente del circolo orceano di Legambiente Franco Ferrandi. UN’ALTRA SQUADRA, in via Rossa, ha riempito il cassone di un camioncino con una massa di guaine, probabilmente abbandonate dopo un furto di cavi elettrici; e gli altri hanno rinvenuto telai di biciclette, gomme d’automobile, elettrodomestici, un’infinità di lattine, bottiglie e sacchetti di plastica. Per fortuna – nota Ferrandi - «Orzinuovi risponde bene ad iniziative come questa e ciò significa che la popolazione è sensibile alla necessità di garantire il decoro del territorio, anche se finora abbiamo solo sfiorato il problema». La manifestazione è proseguita ieri, ai giardini, con stand e laboratori didattici. Alessandra Giovannini, rappresentante dell’Ami, ha condotto l’incontro «Miele ed agricoltura. Un matrimonio possibile» mentre Maria Alloisio è stata protagonosta del reading di poesia «Il segreto del fosso». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Riccardo Caffi
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1