CHIUDI
CHIUDI

08.01.2020

Gallera «frena» sull’untore «Non c’è alcuna epidemia»

L’assessore Giulio Gallera
L’assessore Giulio Gallera

VILLONGO (Bergamo) Un «cordone sanitario» garantito da vaccinazioni a tappeto nei comuni dove si sono verificati cinque contagi e due decessi da meningite, ma anche nelle scuole e nelle aziende. Così l’assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera, ha tranquillizzato i sindaci dei comuni dell’area del lago d’Iseo interessati dall’emergenza incontrandoli nel vertice di Villongo. «Ho anche ricevuto la telefonata del ministro della Salute Roberto Speranza che ringrazio vivamente – ha spiegato l'assessore alla Gallera – e che ha confermato la disponibilità del Governo e del suo ministero a intervenire dove ce ne fosse bisogno». Di più. L’assessore frena sulla caccia all’untore. «Il 23 dicembre abbiamo avuto l’evidenza di una situazione anomala - ha spiegato ancora -. Arriveremo ad avere in totale 14 centri vaccinali. Ma ricordo che ogni anno, in Lombardia, ci sono fra le 30 e le 40 persone che si ammalano di meningite. Allo stesso tempo ricordo anche che il 5-10% della popolazione è portatore sano». L’ASSESSORE ha precisato che è assolutamente «normale» che i vaccini non si trovino in farmacia dove ci sono poche dosi destinate a chi viaggia. Il 93% dei bimbi delle materne è già stato vaccinato e si è raggiunta l’immunità di gregge. Per quanto riguarda invece gli studenti delle scuole superiori, oggi è stato deciso che operatori andranno nelle scuole frequentate dai ragazzi che abitano negli ambiti del Basso Sebino e di Grumello a vaccinare tutti i ragazzi e il personale. Nel Bresciano invece si sceglieranno le scuole con presenza di residenti dei paesi interessati mentre domani arriveranno anche i vaccini ai medici di base. «C’è bisogno di qualche giorno – ha sintetizzato Gallera - ma in settimana cominceremo e andremo anche lontano, cioè in tutte le scuole frequentato dai ragazzi che provengono da questi due ambiti». Gallera ha quindi ricordato il «costante collegamento con l’Istituto superiore di sanità e con il ministero che condividono quello che stiamo facendo». Ad oggi sono state vaccinate 3.511 persone dall’Ats di Bergamo e 3304 a Brescia. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

GIU.S.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1