CHIUDI
CHIUDI

19.06.2019

Genitore accusato dal pm «Ha preso i soldi al figlio»

Denaro al centro dell’inchiesta
Denaro al centro dell’inchiesta

L’inchiesta è chiusa, ma come sempre in questi casi servirà altro tempo per avere risposte definitive. Nel frattempo però ci si ritrova di fronte a un caso in cui l’accusa è certamente molto pesante. Un padre, nella ricostruzione degli inquirenti, si sarebbe appropriato di denaro e beni mobili del figlio. A ciò si sarebbe arrivati in una situazione che rende, sempre secondo l’accusa, tutto ancora più difficile da accettare. Il padre è amministratore di sostegno del figlio, disabile in seguito al grave incidente di cui è rimasto vittima. LE INDAGINI sono state coordinate dal pm Antonio Bassolino e i fatti finiti al centro dell’inchiesta sono accaduti in Valsabbia.Secondo quanto emerso dagli accertamenti investigativi è emerso che il genitore avrebbe proceduto a diverse operazioni bancarie. E questo non rappresenta assolutamente un passaggio illegale, essendo appunto, il genitore, l’ amministratore di sostegno del figlio. Ma, secondo la procura , il padre avrebbe sottratto al figlio una somma di denaro che complessivamente è stata quantificata in quasi 130mila euro. Ma non è tutto. Sempre nella ricostruzione accusatoria il padre si sarebbe appropriato di mobili per un valore di circa 25mila euro, mobili destinati a un appartamento comprato dal figlio. E ancora, ci sarebbero altri 44mila euro ricevuti dalla nipote per l’acquisto della metà del valore dell’attività commerciale di cui era titolare il figlio dell’indagato. Questa somma, secondo quanto emerge dalle indagini non sarebbe mai finita sul conto corrente del figlio disabile. Si tratta di fatti che in parte sarebbero prescritti. Ma nel frattempo l’inchiesta è andata avanti fino alla chiusura . Ora l’indagato avrà venti giorni di tempo per chiedere d’essere interrogato, per fornire la propria versione dei fatti, cosa che potrà avvenire anche attraverso una memoria difensiva. In caso contrario la procura potrà procedere alla richiesta di rinvio a giudizio. E il gup sarà chiamato a decidere se ci sarà un processo o meno. © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1