CHIUDI
CHIUDI

11.08.2020

«Giovani, le
precauzioni
vanno mantenute»

Crescono i casi di contagi tra i più giovani, complici le vacanze in luoghi dove le misure sono poco rigide
Crescono i casi di contagi tra i più giovani, complici le vacanze in luoghi dove le misure sono poco rigide

Durante il lockdown ci siamo lavati le mani in media 12 volte al giorno e per altre cinque volte abbiamo usato un gel disinfettante. Ma più di una persona su 10 – rivela un’indagine Istat - dice di averlo fatto anche 20 volte al giorno. Oggi, invece, come ce la caviamo con pulizia, mascherine e distanziamento? L’estate e la voglia di riconquistare una certa forma di libertà rischiano di compromettere un autunno che già di per sé si presenta ricco di incognite. Lo dimostrano le tante comitive di giovani che al rientro dall'estero si sono ritrovate con Sars-Cov-2. IL VIRUS non se ne è andato. Anzi, «galoppa verso i 20 milioni di casi nel mondo» scrive l'Ansa. «È un rischio pensare di averlo superato. Serve autotutela e responsabilità da parte di ognuno di noi. Fino all'arrivo del vaccino dobbiamo mantenere le misure di precauzione» sottolinea il presidente dell'Ordine dei Medici e Odontoiatri di Brescia, Ottavio Di Stefano. Responsabilità personale e un sistema sanitario pronto a gestire nuovi casi nel modo più tempestivo ed efficace possibile potranno fare la differenza. Sulle criticità emerse nel corso della pandemia e affrontate in un documento che l'Ordine ha inviato alle istituzioni sanitarie, sollecitandole a un dibattito, è in corso una riflessione seria. «La sensibilità istituzionale c'è» conferma Di Stefano. Sia sul fronte della prevenzione che in quello dell'eventuale isolamento, Regione Lombardia ha annunciato la scorsa settimana alcune novità che dovrebbero partire da settembre e alle quali l'Ordine guarda con interesse. La prima è la possibilità per i medici di medicina generale di poter prenotare direttamente il tampone per un paziente sospetto Covid. «In questa fase epidemica è essenziale individuare al più presto i nuovi casi (con tracciamento dei contatti) e svolgere in tempi brevi il tampone, cosa che attualmente è garantita in 24/48 ore». La seconda novità riguarda l'isolamento dei positivi: «Una delle nostre proposte era l'individuazione di strutture dedicate, quando non attuabile al domicilio a causa di condizioni sociali e funzionali. C'è da rilevare un impegno da parte di Regione e Ats in accordo anche con le Asst per cercare delle strutture. In un incontro recente della cabina di regia è stato riferito che Ats le sta individuando, ora aspettiamo l'esito». Ats Brescia, spiega Di Stefano, avrebbe rinnovato anche l'impegno verso la stratificazione del rischio clinico per valutare se il paziente positivo possa essere assistito a domicilio o abbia bisogno di cure a livello ospedaliero. «Sono di prossima uscita delle indicazioni clinico-comportamentali per i mmg e per i pediatri di famiglia, realizzate da un gruppo di lavoro, con elementi che inducono a formulare un sospetto ragionato per Covid-19», annuncia. Lavori in corso, dunque, in questo agosto che prepara alla fase autunnale e nel corso del quale, avverte Di Stefano, «mascherina, lavaggio delle mani e distanziamento fisico restano indispensabili» pena il riaccendersi della pandemia. «BISOGNERÀ inoltre fare un’efficace campagna per la vaccinazione antinfluenzale per andare a coprire il maggior numero di popolazione possibile, perché questo toglierà almeno qualche elemento confondente laddove ci sia una ripresa della pandemia. E negli adulti sopra i 65 anni andrà fatto anche il vaccino antipneumococcico». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paola Buizza
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1