CHIUDI
CHIUDI

21.01.2020

«I lavoratori coinvolti ignoravano le tutele»

Dagli accertamenti sono emersi 250 lavoratori in nero
Dagli accertamenti sono emersi 250 lavoratori in nero

«I fini non erano solidaristici, ma interinali. Per portare a termine questa indagine abbiamo lavorato in coordinamento attraverso il tavolo tecnico istituito dal procuratore facente funzione Carlo Nocerino». Così, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Salvatore Russo, in uno dei passaggi della conferenza stampa tenuta ieri nella caserma Leonessa. Loredana Pagnozza, direttrice dell’Ispettorato del lavoro territoriale di Brescia ha parlato di «un’attività particolarmente importante che ha dimostrato un aspetto sensibile almeno nel territorio bresciano: quello dell’informazione da dare ai giovani lavoratori che si affacciano al mercato del lavoro. Perchè la maggior parte dei lavoratori somministrati da questa onlus, erano giovani, molti erano studenti e svolgevano saltuariamente questo tipo di attività e di collaborazione con la onlus per mantenersi gli studi, per avere una piccola indipendenza economica. Abbiamo scoperto, attraverso le audizioni, che questi lavoratori coinvolti in realtà poco sapevano degli aspetti di tutela del lavoro. I compensi avevano l’aspetto di un rimborso» ALESSANDRO CASILE, dirigente della vigilanza regionale dell’Inps ha sottolineato: «Quello che a noi preme è che i contributi vengano pagati. Quest’operazione sventa un’evasione ai danni dell’Inps, ma quello che è importante è che se c’è un’azienda che in qualche modo evade c’è anche chi beneficia di questa evasione. Questo significa concorrenza sleale, abbattere i costi notevolmente nei confronti della concorrenza. Ma queste aziende devono sapere che queste operazioni non sono a rischio zero». Ennio Bozzano, direttore territoriale Inail di Brescia ha spiegato «che da un punto di vista tecnico quest’operazione ha permesso di recuperare svariate migliaia di euro di premi assicurativi non pagati proprio perché si trattava di imponibili non denunciati. In questa sede mi piace sottolineare la sinergia degli enti coinvolti per raggiungere degli obiettivi così importanti. Significa che c’è presidio sul territorio». © RIPRODUZIONE RISERVATA

M.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1