CHIUDI
CHIUDI

14.01.2020

Il compagno
la picchia, fugge per
strada con il figlio

La donna è stata soccorsa da un equipaggio delle Volanti
La donna è stata soccorsa da un equipaggio delle Volanti

Questa volta, al contrario di quanto aveva fatto in passato dove per paura era rimasta in silenzio, ha deciso di chiamare le forze dell’ordine e raccontare delle botte prese dall’uomo con cui da anni convive. Protagonista di questa nuova storia di violenza familiare è una giovane di 27 anni che ieri mattina in via Svevo, nel quartiere di San Bartolomeo, ha avuto la peggio in una lite familiare. Il suo compagno, un trentenne di origine bosniaca, secondo quanto la giovane ha raccontato agli agenti delle Volanti intervenuti ieri intorno alle 9 del mattino, l’avrebbe malmenata nonostante con lei ci fosse uno dei figli, un bambino di poco più di 10 anni.


LA DONNA spaventata e dolorante è quindi fuggita in strada per evitare guai peggiori e nel frattempo ha avvertito anche le forze dell’ordine che dopo qualche minuto sono intervenute per ricostruire l’intero accaduto. È così emersa una delicata situazione familiare su cui in questura si sta cercando di fare la maggiore chiarezza possibile.


SUL POSTO è arrivata anche una ambulanza. Il personale sanitario ha visitato la ragazza che però non è stata portata in ospedale. Le ferite riportate non sono infatti state giudicate gravi. La giovane è stata medicata per strada mentre i poliziotti hanno raccolto la sua testimonianza. La donna, che ha anche altri figli, è quindi stata portata in una struttura protetta per evitare ulteriori episodi di violenza. Secondo quanto emerso non sarebbe infatti la prima volta che la coppia ha liti violente e sarebbe sempre stata la donna ad avere la peggio. Ma fino all’episodio di ieri non avrebbe mai denunciato i presunti maltrattamenti. Nel frattempo proseguono gli accertamenti delle forze dell’ordine e nelle prossime ore non sono esclusi provvedimenti. Se il racconto della 27enne trovasse riscontri non è escluso che il trentenne di origine bosniaca possa essere allontanato da casa per permettere alla compagna e ai figli di vivere con maggiore tranquillità.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Cittadini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1