CHIUDI
CHIUDI

15.09.2020 Tags: Brescia

Il «Gigli» di Rovato
accoglie gli studenti
e si prepara al futuro

L’attesa all’esterno dell’istituto di RovatoI ragazzi del Gigli sono entrati a scuola: lezioni tutte in presenzaGli studenti  hanno utilizzato diversi accessi per entrare nell’istituto
L’attesa all’esterno dell’istituto di RovatoI ragazzi del Gigli sono entrati a scuola: lezioni tutte in presenzaGli studenti hanno utilizzato diversi accessi per entrare nell’istituto

Le mascherine non hanno nascosto gli occhi che brillano di ragazze e ragazzi che sognavano da mesi di ritrovarsi all’Iis Gigli di Rovato, con amici e docenti. Ai cancelli ben prima delle 8 c’era già folla, anche perché diversi genitori hanno accompagnato i figli iscritti al primo anno. Insegnanti e nuovo dirigente scolastico Davide Uboldi li hanno attesi all’ingresso. Alle 8, sono entrate le prime. Diversi genitori rimasti sul piazzale hanno commentato «Tante polemiche poi sono entrati tutti senza problemi, almeno per ora: adesso vediamo come va». Analogo il commento di diversi insegnanti che si sono riuniti nel pomeriggio con il preside per il primo collegio docenti. «Certo - ha spiegato un docente - più che paura c’è una sensazione di incertezza per il Covid, perché i ragazzi, piaccia o no, il sabato sera e la domenica stanno insieme, come facevamo noi del resto, e pensano poco al distanziamento. Adesso vediamo che succede». Nell’attesa dei 1300 studenti alcuni docenti, hanno osservato: «Hanno fatto una polemica feroce su banchi e rotelle però si sono dimenticati degli stipendi. Da anni quando si inizia c’è il problema supplenti e nomine: l’unica novità adesso è il Covid». Nei parcheggi davanti agli ingressi i ragazzi quasi tutti con le mascherine si ritrovano parlando dell’ultimo sabato sera. Quando il preside apre il cancello con alcuni docenti in pochi muniti si forma il gruppo classe, che segue l’insegnante senza perdere tempo. Al primo scaglione (studenti delle prime, il più numeroso), alle 9 è seguito il secondo (seconde e terze) e mezz’ora dopo quarte e quinte, quasi tutti con le mascherine. «Il Ministero - ha spiegato Mattia Lancini, collaboratore del preside - con ottomila mascherine chirurgiche ha garantito la copertura del fabbisogno per personale scolastico e studenti per l’intera prima settimana, assicurando regolari consegne per le successive». In ogni caso, il Gigli con una circolare ha invitato le famiglie a dotarsi autonomamente. QUESTA SETTIMANA gli studenti entreranno da 10 diversi accessi, regolati da quattro cancelli, sorvegliati da personale scolastico per evitare assembramenti e i docenti li accompagneranno in classe. Da oggi l’istituto cambia gli orari di ingresso riducendo l’intervallo tra i tre scaglioni, per recuperare tempi per le ricreazioni. Le prime entrano alle 8, seconde e terze alle 8,07, quarte e quinte alle 8,15. Le aree verdi dell’Iis consentono tre ricreazioni, alle 9,50, alle 10,05, alle 10,50, senza assembramenti avendo ogni blocco aule uscite diverse. Fino al 28 settembre ci sarà l’orario ridotto, dalle 8 alle 12. «Per superare le criticità del trasporto pubblico locale - ha riferito Lancini - abbiamo invitato chi abita vicino a raggiungere il Gigli a piedi o in bici». Il preside ha visitato le classi. Il collegio docenti ha deliberato di organizzare corsi di formazione e approfondimento sul Covid e sulle misure di prevenzione da adottare nei prossimi mesi. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Giancarlo Chiari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1