CHIUDI
CHIUDI

25.11.2020 Tags: Brescia

«Il nonno è in una Rsa Senza di lui è doloroso»

Lara Gregori
Lara Gregori

Non è una donna religiosa eppure Lara Gregori, colonna portante dell’iniziativa culturale «Libri in movimento», ammette di aver «sempre amato il Natale, quello degli alberi e delle decorazioni sparse per la casa, delle candele profumate, dei regali impacchettati e aggiunti man mano sotto l’albero, del peregrinare a vedere presepi». TUTTAVIA, nonostante tutte queste aspettative e questo immaginario desiderante, «non ho mai avuto accanto persone che condividessero con me questo gioco magico e, di conseguenza, ho smesso di festeggiarlo. Così il Natale, il bello del Natale, è restato solo l’appuntamento fisso per il pranzo a casa del nonno, ora 99enne». La pandemia però ha cambiato gli appuntamenti e ha trasformato il Natale magico in un «Natale spezzato: il pranzo sarà mantenuto a casa del nonno, ma senza di lui perché poche settimane fa la situazione legata al Covid ha costretto me e la famiglia a prendere una decisione dura ma inevitabile: con dolore e con la consapevolezza di non avere alternative lo abbiamo portato in una Rsa. In questi luoghi, in primis per la protezione degli ospiti, non è possibile andare a prendere il parente, nemmeno per il pranzo di Natale. Così sarà solo, senza di noi e noi senza di lui: saremo lontani e l’assenza peserà. È doloroso, per tutti». •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1