CHIUDI
CHIUDI

22.07.2019

Il «palo» se la dà
a gambe e il complice
viene preso

Il tempestivo intervento dei carabinieri si è rivelato decisivo
Il tempestivo intervento dei carabinieri si è rivelato decisivo

Il complice non ha brillato per affidabilità, mentre i carabinieri al contrario si sono distinti per la velocità con cui sono arrivati sul posto. Dove per «posto» si intende Pontevico e i militari sono quelli del Radiomobile della compagnia di Verolanuova.

 

IN MANETTE è finito così un 19enne bresciano con precedenti per reati contro la persona. Si tratta di un ragazzo accusato di furto aggravato in concorso. Al suo arresto si è arrivati innanzitutto grazie al potenziamento dei controlli del territorio, potenziamento che consente alle pattuglie d’arrivare tempestivamente nei luoghi da cui giungono le segnalazioni. E così è stato l’altra notte a Pontevico. Due ladri hanno infranto con una pietra di grosse dimensioni la vetrina del bar «Il Borgo». Erano circa le 2.30 di notte e la tecnica, con fragore annesso, non si è rivelata quella tra le più indicate per passare inosservati. Il fracasso ha svegliato un vicino, che si è affacciato alla finestra e ha dato l’allarme chiamando i carabinieri. Nel frattempo uno dei due ladri era entrato all’interno del bar intenzionato ad impossessarsi del denaro della cassa; l’altro invece avrebbe dovuto dedicarsi al compito di vigilare sull’eventuale arrivo delle forze dell’ordine e allertare il complice. Avrebbe. Perchè i carabinieri sono arrivati immediatamente. Ma altrettanto veloce è stato il «palo», le virgolette sono d’obbligo, nel darsi alla fuga. In realtà ha provato ad allontanarsi anche il 19enne che era entrato nel bar e che era riuscito ad impossessarsi di un ben magro bottino: gratta e vinci, risultati poi da utilizzare solo per fini pubblicitari. Il ladro è stato raggiunto e ha strattonato i carabinieri nel tentativo di fuggire, ma è stato arrestato. È riuscito invece a far perdere le proprie tracce il «palo». L’arresto del 19enne è stato convalidato. Ora è libero in attesa del processo.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

M.P.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1