CHIUDI
CHIUDI

06.06.2020 Tags: Brescia

L’Arma celebra i suoi 206 anni Nel 2019 40mila delitti denunciati

Da 206 anni a fianco dei cittadini, tra prevenzione e repressione. Ma in questo 2020 funestato da un'emergenza imprevedibile come quella scatenata da Covid-19, i carabinieri hanno avuto un ruolo di sostegno, solidarietà e protezione più evidente che mai. Gli uomini e le donne in divisa, ieri mattina si sono ritrovati simbolicamente uniti per l'anniversario della fondazione dell'Arma: la contingente situazione sanitaria ha infatti limitato la cerimonia alla sola presenza del colonnello Gabriele Iemma, comandante provinciale, e del prefetto Attilio Visconti, che il comandante ha ringraziato per il suo costante sostegno. Insieme hanno deposto una corona d'alloro al monumento ai caduti, nel piazzale della caserma Masotti. MOMENTI di raccoglimento ed emozione con il pensiero rivolto anche a tutti coloro che sono venuti a mancare in questi mesi e alle loro famiglie, con un ricordo particolare per il maresciallo maggiore Fabrizio Gelmini, già in servizio alla stazione di Pisogne, anch’egli scomparso a causa del Coronavirus. L’OCCASIONE della celebrazione ha consentito anche di fare un consuntivo sull’intera attività svolta dai carabinieri del Comando provinciale di Brescia nel corso del 2019 e nei primi mesi di quest’anno attraverso la presenza capillare delle Stazioni, definite «baluardo della legalità». Un’attività operativa che vede l’Arma protagonista: 39.644 i delitti denunciati dal Comando provinciale lo scorso anno (l’87% del totale), 1.266 le persone arrestate (62%) e 8.982 quelle denunciate. Tra gennaio e maggio 2020 sono stati invece 11.097 i delitti denunciati, 417 gli arresti eseguiti e 4.145 le persone denunciate; 71.210 le perlustrazioni effettuate nell’ultimo anno. Oltre ai reati predatori, i carabinieri hanno prestato particolare attenzione alla violenza di genere e ai reati in danno delle categorie più vulnerabili. Importanti, su questo fronte, i tanti incontri con gli anziani, nelle scuole, con le istituzioni e le associazioni che si occupano di contrasto alla violenza sulle donne. •

Paola Buizza
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1