CHIUDI
CHIUDI

18.02.2020

Lo rimprovera per l’inciviltà e rimedia un pugno in faccia

L’aggressore è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri
L’aggressore è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri

Lo ha visto gettare una carta per terra e lo ha richiamato prendendosi, per tutta risposta, un pugno in faccia che gli ha provocato una brutta ferita al labbro e otto giorni di prognosi. Il senso civico della vittima ha purtroppo incontrato la voglia di fare andare le mani del suo aggressore. È accaduto domenica pomeriggio nei pressi del centro commerciale Freccia Rossa, in città. L'aggressore è un indiano del 1988, la vittima un romeno di tre anni più grande. Tutto è successo in fretta e forse ad accendere ancora di più gli animi ci ha pensato qualche bicchiere di troppo. Quando il 35enne romeno ha rimproverato l'indiano, quest'ultimo si è sfilato un bracciale rigido dal polso, lo ha indossato come se fosse un tirapugni e ha colpito chi si era permesso di redarguirlo. L'indiano se ne è quindi andato provando a fare perdere le proprie tracce. In quel momento stava passando una pattuglia del Radiomobile dei carabinieri di Brescia che ha visto il romeno a terra e sanguinante. I militari si sono quindi fermati e in breve sono riusciti a ricostruire quello che era accaduto pochi minuti prima. ALCUNI TESTIMONI hanno spiegato quel che era successo aggiungendo che l'aggressore si era dileguando entrando nel centro commerciale. I militari si sono messi sulle sue tracce e lo hanno individuato poco dopo all'interno di uno dei bagni dove stava ripulendosi dal sangue del rivale. Per lui è così scattato l'arresto in flagranza di reato. Ieri mattina il 32enne è stato portato in tribunale per la direttissima. Nel frattempo il 35enne aveva ritirato la querela, ma i problemi per l'indiano sono rimasti visto che i carabinieri hanno proceduto d'ufficio contestandogli il reato di lesioni personali aggravate dall'utilizzo del bracciale indossato come se fosse un tirapugni. In aula c'era anche la vittima che sul volto portava ancora ben evidenti i segni del pesante colpo subito nel corso dell'alterco. Il giudice al termine dell'udienza ha convalidato l'arresto. L'indiano è tornato libero e attenderà il processo gravato dalla misura dell'obbligo di firma. Per lui potrebbe scattare l'espulsione. •

PA.CI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1