CHIUDI
CHIUDI

26.05.2017

Look creativi e stoffe
pregiate. È la moda
griffata Gruppo Foppa

Giubbetti e giacche aperti, gonnelline floreali svolazzanti, minimalismo da nuovo millennio. La contemporaneità si sposa con l'ancien règime modaiolo: stoffe pregiate, look sfarzosi, l'opulenza tradotta in abito. Che sembra di stare in piena Inghilterra Vittoriana o nello sconfinato ottimismo della corte napoleonica. E invece è il Palabrescia, in una notte di Primavera di Vivaldi – la colonna sonora d'apertura. Glamour e passerelle, in stile milanese: la «Serata della Moda» del Gruppo Foppa ha fatto il pienone. Di pubblico e ospiti illustri – tra cui gli assessori regionali Valentina Aprea e Mauro Parolini, l'assessore all'istruzione del Comune di Brescia, Roberta Morelli, il rettore dell'Università degli Studi di Brescia, Maurizio Tira, il presidente del Brescia Calcio Alessandro Triboldi. E tanti altri ancora. Accolti in via San Zeno dal meglio della produzione bresciana in fatto di stile. Bellezza dell'appuntamento: gli studenti factotum. Artisti, stilisti, modelli, presentatori: un coinvolgimento complessivo di 1500 ragazzi tra Cfp Lonati, Liceo Artistico Foppa e Its Machina Lonati. E l'applausometro va in tilt già dalle prime battute, con amici e genitori a godersi lo spettacolo comodi in tribuna, orgogliosi dei figlioli. Sul palco un'offerta ricchissima, composta da almeno 200 abiti, foggiati su 9 differenti sezioni tematiche, approfondite e restituite sotto forma di prodigi della macchina da cucire. Tra speaker improvvisati, indossatori più o meno a loro agio, aria condizionata a mille – sì, il paragone con le più alte scene mondiali regge anche in questo campo –, la parata scorre che è un piacere. Riferimenti temporali? Vari, provocanti, post-moderni, esotici. Ci sono le collaborazioni con un'università thailandese – la materia è il design del gioiello –, ma anche l'inchino al '700 veneziano, con l'ispirazione a Canaletto e il tema dell'acqua, gli influssi cinesi e la riflessione sulla funzione della moda.

NEL MEZZO le provocazioni: cortocircuiti punk, deviazioni psichedeliche, proposte geometriche, tra tempo, spazio e mente. Eleganza e sportività, pura filosofia estetica. Con parola anche agli ospiti illustri. Roberta Morelli ha lo sguardo soddisfatto: «Credevo, lo scorso anno, di avere già visto il meglio, quest'anno invece vi siete superati. Il matrimonio tra creatività e professionalità è pienamente riuscito. Bravi!». Giovanni Lodrini, amministratore delegato del Gruppo Foppa, lancia invece l'appello: «Sì, siamo affezionati a questo posto. Ma forse l'anno prossimo dovremo andare in piazza Vittoria...». Visto il pienone, richiesta legittima. Chi vivrà, vedrà. Con stile, ovviamente.

Jacopo Manessi
Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1