CHIUDI
CHIUDI

06.08.2020 Tags: Brescia

«Meno credito ai territori? No, i segnali sono diversi»

Frederik Geertman (Ubi Banca)
Frederik Geertman (Ubi Banca)

«Comprare» altro tempo per le imprese. Frederick Geertman, banchiere di lungo corso e vice direttore generale e direttore commerciale di Ubi Banca, ha dato questo suggerimento alla Commissione bicamerale d’inchiesta sulle banche nel corso dell’audizione dedicata all'utilizzo degli strumenti legislativi per la liquidità delle imprese. «È previsto un picco a settembre per la scadenza del Cura Italia - ha osservato il top manager Ubi interpellato da deputati e senatori della Commissione guidata da Carla Ruocco - sarebbe utile un rinnovo della moratoria che lo possa spalmare». Per Geertman «gli interventi legislativi sono stati efficaci: il preammortamento lungo ha creato una situazione di ampia liquidità e le imprese non hanno neanche l'occasione di sconfinare con le banche». Quindi «è stato comprato molto tempo per far ripartire i fatturati», ha detto ancora e quello sarà essenziale perchè tutta questa liquidità è debito che andrà alla fine ripagato. IL BANCHIERE ha poi illustrato i dati presenti sul cruscotto di Ubi. «Le Pmi clienti hanno aumentato la loro liquidità di oltre un miliardo di euro - ha detto -, siamo certamente in una fase intermedia e il flusso verso le sofferenze che vediamo è solo appena aumentato ma non è lontanamente paragonabile a quello» (massiccio) «del 2008 e del 2011». Da Geertman è arrivato anche un riferimento alla futura integrazione dell’ex banca popolare con Intesa Sanpaolo, in risposta alla domanda del senatore Lannutti se fosse ipotizzabile una riduzione del credito nei territori di insediamento di Ubi. «Intesa Sanpaolo ha dato segnali opposti stando a quando ha dichiarato - ha precisato il vice direttore di Ubi -, la nostra banca è stata acquistata ed e giusto che sia la nuova capogruppo a decidere le politiche sul credito, ma ha dichiarato che lo vuole incrementare». Non rimane che attendere le risposte che arriveranno soprattutto dalle aree storiche di radicamento dell’ex popolare.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1