CHIUDI
CHIUDI

22.10.2020 Tags: Brescia

«Mille Miglia»,
si parte con protocolli
rigidissimi

Le automobili sfileranno oggi partendo da Brescia e dirette a Roma: il ritorno è atteso per domenicaLa Mille Miglia ha varato un protocollo anti Covid rigidissimo
Le automobili sfileranno oggi partendo da Brescia e dirette a Roma: il ritorno è atteso per domenicaLa Mille Miglia ha varato un protocollo anti Covid rigidissimo

Tra dubbi, incertezze ed umori contrastanti la 1000 Miglia partirà. La decisione ufficiale è arrivata ieri al termine del tavolo di confronto in Prefettura. Da una parte gli organizzatori della corsa della Freccia Rossa, dall'altra le istituzioni guidate dal Prefetto Attilio Visconti. Presenti il sindaco di Brescia Emilio Del Bono ed il questore uscente Leopoldo Laricchia. Quello a cui si è assistito è stato un vero e proprio braccio di ferro. A far pendere l'ago della bilancia in favore del semaforo verde è stato il prospetto esposto dei rigidissimi protocolli messi a punto dal comitato organizzatore della 38° edizione. DUNQUE motori accesi da questa mattina per le consuete operazioni di punzonatura in Piazza Vittoria arrivate dopo tre giorni di verifiche tecniche e sportive al Brixia Forum vissute nell'incertezza. «Nei suoi 93 anni di vita la Freccia Rossa ha superato molte prove. Quella del 2020, sarà certamente la più difficile». Con queste parole Aldo Bonomi presidente di Aci Brescia ha concluso il suo intervento durante la presentazione dell'evento ai nastri di partenza. Sicurezza sarà la parola d'ordine. Non solo sulle strade con una carovana di quasi 400 vetture iscritte ma soprattutto in tema di pandemia. Il comitato organizzatore presieduto da Franco Gussalli Beretta ha approntato un rigoroso protocollo anti-Covid dedicato al contenimento del rischio di contagio. «Sappiamo che non sarà la stessa cosa rispetto a essere in piazza Vittoria a Brescia tutti insieme per festeggiare la gara più bella del mondo» le parole di Beretta. Il rigido protocollo medico sanitario prevederà ingressi alle aree come il Paddock, il Villaggio e l’area di Partenza e Arrivo ridotti a circa un terzo della capienza. Ai varchi delle aree riservate saranno posizionati dispositivi di «people counting» necessari alla misurazione della temperatura corporea e del controllo del corretto utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Inoltre forniranno il conteggio in tempo reale dei flussi in entrata e uscita. TRA PIAZZA VITTORIA e Via Gramsci saranno 80 gli steward. Al seguito del museo viaggiante più famoso del mondo sono state inserite figure specifiche di Covid Manager e «vetture covid» le quali svolgeranno un servizio di assistenza e attiveranno le procedure vigenti in materia di sicurezza e sanità. Inoltre ogni equipaggio ha dovuto presentare i risultati di tamponi effettuati entro le 72 ore dalla partenza. «Il protocollo di sicurezza adottato è rigidissimo e si propone come punto di riferimento per altre manifestazioni del genere» ha specificato l'amministratore delegato di 1000 srl Alberto Piantoni. Quella pronta a partite per la prima di quattro tappe (start questo pomeriggio alle 14 dalla pedana di viale Venezia) sarà un’edizione anomala. Per ottemperare alle nuove disposizioni del Dpcm numerosi sono stati i tagli al programma iniziale. Annullato il passaggio delle Frecce Tricolori, la passerella in centro ed in Castello. Cancellato il Trofeo Gaburri e il Closing Party finale. I pranzi sul percorso si svolgeranno nel rispetto di turnazioni. Per evitare assembramenti alla partenza e all’arrivo 1000 Miglia produrrà le immagini. Sono state apportate modifiche anche al percorso. Limitato il transito nei centri abitati dove le vetture saranno scortate a gruppi da cordoni della polizia. I controlli timbro saranno sostituti da semplici controlli orari. Annullato il passaggio in città: dopo la partenza le vetture svolteranno subito in via Mantova per prendere la via del Lago di Garda. In serata il passaggio e la cena a Ferrara con l'arrivo di tappa a Milano Marittima. Venerdì i 375 equipaggi proseguiranno alla volta di Roma. Nel mezzo carichi d'emozione i passaggi a Macerata e Amatrice. DALLA CAPITALE sabato le vetture riprenderanno la strada di casa chiudendo la frazione a Parma mentre domenica il gran finale con l'arrivo a Brescia previsto per le 15.30. Nonostante la pandemia tanti sono gli stranieri giunti nella nostra città. 1000 Miglia ad attrarre anche vip del calibro dell'imprenditore Tomaso Trussardi (marito di Michelle Hunziker), Cristina Parodi giornalista e conduttrice TV e lo chef Carlo Cracco. Dal punto di vista sportivo fari puntati su Andrea Vesco in gara con il padre. Dietro di loro agguerriti, numerosi equipaggi sognano la gloria. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Fabio Pettenò
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1