CHIUDI
CHIUDI

12.06.2019

«Musica!», la
festa sta per
cominciare

Una delle tante esibizioni in programma negli anni scorsi   alla «Festa della Musica» di Brescia che si conferma la più grande d’Italia FOTOLIVE
Una delle tante esibizioni in programma negli anni scorsi alla «Festa della Musica» di Brescia che si conferma la più grande d’Italia FOTOLIVE

Conto alla rovescia in picchiata verso gli ultimi rintocchi, dieci giorni al contatto ritmico: la vibrazione collettiva deflagrerà sabato 22 giugno e anche quest’anno l’ «enorme massa sonante» riempirà di energia positiva strade, piazze, parchi e angoli urbani, dal centro ai quartieri, rimbalzando per tutta la città come una scossa d’energia unificante che ingloberà artisti solisti, band, orchestre, cori, ensemble, dj e abbatterà ogni barriera fra professionisti e semplici appassionati, fedele al suo spirito inclusivo e fieramente popolare che mira a «celebrare la musica e diffondere la bellezza in ogni dove». DA MATTINA a notte fonda, senza soluzione di continuità, per il sesto anno consecutivo: 480 iscritti, un centinaio di situazioni live, per un totale di oltre quattromila musicisti coinvolti («numeri provvisori ma destinati a crescere, perché stanno arrivando ancora adesioni e nuove proposte di palchi»), la Festa della Musica di Brescia 2019 ancora una volta sarà la più grande d’Italia e trasformerà la città in un enorme strumento musicale vivo e multiforme capace di riprodurre indistintamente un ventaglio di generi che spazieranno tra pop, classica, jazz, rock, soul, funky, techno, metal, reggae e suoni dal mondo. PRESENTATA IERI a palazzo Loggia e organizzata dall’omonima associazione con il patrocinio del Comune, il sostegno di Fondazione Asm, Peimar, Fasolmusic.coop, AON, la direzione artistica di Jean Luc Stote e il supporto «di tutte le realtà commerciali cittadine che credono nel progetto», questa sesta edizione schiera ai blocchi di partenza svariate novità: prima fra tutte, la già annunciata collaborazione con i «Centri Antiviolenza donne», sette associazioni che nella volontà di «cambiare e far cambiare musica» organizzeranno un palco in piazza Vittoria (uscita metropolitana) dove l’obiettivo sarà «veicolare un nuovo modo di parlare di questo tema che riguarda tutte e tutti ed è molto più vicino alla nostra vita di quanto tendiamo a pensare». Non a caso il refrain campeggia anche sulla maglietta ufficiale dell’evento, già acquistabile alla sede dell’associazione (negli spazi del Moca) e poi il 22 giugno all’infopoint di corso Zanardelli: color rosso intenso e dedicata proprio alle donne, il ricavato delle vendite (costo 10 euro) sarà poi devoluto proprio centri anti violenza della provincia di Brescia. E ancora, tra i gli «imperdibili 2019» – come sono stati ribattezzati - la nuova collaborazione con Fondazione Brescia Musei, il rapporto consolidato con il Musil, lo «scenario naturale unico» offerto dal parco delle Colline, nella ex Polveriera, che farà da sfondo alle esibizioni dei ragazzi dell’Accademia Musicalmente e ai ragazzi del liceo Calini. Ma non è ancora tutto, perché la Festa della Musica riserverà anche l’apertura ai quartieri («aumentati rispetto all’anno scorso»), la collaborazione con Brescia Mobilità (metropolitana gratuita per tutti i musicisti iscritti) e con Radiotaxi Brescia «per sensibilizzare la popolazione sul tema della guida sicura», un’applicazione creata ad hoc per orientarsi i nel vastissimo programma della Festa, che il 21 giugno vivrà una doppia anteprima by night al Social Club e dall’aperitivo a mezzanotte al Parco Castelli. Dove, l’indomani, nel giorno clou, sarà poi riconfermato l’appuntamento con «Dance Reverse», assieme al «Castello elettronico» e al parco La Rosa Blu (in via Francesco Nullo), epicentri d’elezione per clubber e avventurieri del groove; così come la «Pausa Buskers» per cullare la pennichella nel primo pomeriggio, e il progetto «0-18» fra musica, teatro e altre contaminazioni artistiche, in programma al Moca. TUTTI GLI EVENTI saranno ad ingresso libero e il programma, con relativa mappa - in continuo aggiornamento - è disponibile sul sito www.festadellamusicabrescia.it. Tra musica, creatività e socialità, Jan Luc Stote non ha dubbi nell’annunciare: «Vedrete una città col sorriso». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Elia Zupelli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1