CHIUDI
CHIUDI

01.10.2020 Tags: Brescia

Nel «regno» di Elnòs
si rinnovano i sogni:
«Siamo pronti a stupire»

Il centro commerciale Elnòs: nel 2019 è finito qui uno dei successi del nostro contestSimona Dore (Liu-Jo Uomo)Alessandro Loglisci: è commesso alla Maison Du MondeGiampietro Osio (Equivalenza)
Il centro commerciale Elnòs: nel 2019 è finito qui uno dei successi del nostro contestSimona Dore (Liu-Jo Uomo)Alessandro Loglisci: è commesso alla Maison Du MondeGiampietro Osio (Equivalenza)

Lo scorso anno Elnòs è stato il regno del re dei Commessi dell’anno, poiché il vincitore maschile, Massimo Gatti, lavora da Salmoiraghi&Viganò nel centro commerciale. Così Bresciaoggi è andato a tastare il terreno, che nella scorsa edizione è risultato così fertile: e a Elnòs c’è ancora tanta voglia di divertirsi con il nostro contest, visto pure come un modo per far conoscere la realtà in cui si lavora e portare una boccata di ossigeno in un periodo critico anche per il commercio. Senza dimenticare un pizzico di soddisfazione personale, perché se è vero che è fondamentale l’appoggio dei propri datori di lavoro, è pure un dato di fatto imparato dall’esperienza dello scorso anno che l’impegno e le caratteristiche della singola commessa o del singolo commesso contano. ECCO PERCHÉ PARE già abbia buone chances per spiccare nel contest Massimo Vacchi, una delle colonne portanti della catena bresciana di Sportland: il suo entusiasmo senza indugi nell’aderire all’iniziativa rispecchia il carattere socievole di questo quarantenne sportivo e allegro. «Da 14 anni sono con questa azienda, di cui ho curato le aperture in tutti i centri commerciali della provincia, grazie anche alla mia esperienza nel settore iniziata nel 1992. «Da allora ho seguito una cinquantina di aperture», spiega, sottolineando la sua propensione «a stare in negozio per seguire direttamente la vendita, il cliente. Potrei avere un ufficio in sede invece preferisco stare qui, a contatto con la gente». Il rapporto con le persone è anche alla base dell’impegno di Simona Dore commessa da Liu-Jo uomo: «Sono una chiacchierona, amo parlare con la gente e quindi consigliare i clienti mi viene facile. Sono solare e positiva e questo potrebbe essere ciò che mi potrebbe far guadagnare il voto dei lettori di Bresciaoggi!», ammette la giovane donna già entrata nel mood del nostro contest. Anche Giampietro Osio, di Equivalenza, ama questo lavoro perché «mi piace rendere contente le persone facendo trovar loro il profumo dei loro sogni – dichiara convinto di vivere – in un periodo molto duro per gli affari, quindi ben venga l’iniziativa di Bresciaoggi in cui mi lancio con la speranza che non ci sia più nessun lockdown». DA STILISTA e grafico a commesso: tale è stato il percorso di Alessandro Loglisci, che ha lasciato le sue meravigliose zone di origine nel Barese per cercare lavoro al Nord; oggi, con soddisfazione, lavora a Maison du Monde, dopo 6 anni di esperienza come commesso nel settore dell’abbigliamento: «Lavorare per un’azienda come questa mi permette di esplorare nuovi orizzonti e crescere professionalmente – spiega – qui è molto bello l’approccio che si può tenere con il cliente, è possibile stabilire belle relazioni, ancorché episodiche. Partecipare a Commessi dell’anno è stimolante per noi singoli venditori, è un po’ un mettersi alla prova e avere riscontri di come ci si rapporta con il pubblico perché se non sei gentile, accogliente, professionale non vieni votato!». •

Irene Panighetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1