CHIUDI
CHIUDI

16.01.2020

«Nessuna emergenza ma presto nuovo bando»

Il viceprefetto Patrizia Adorno si è insediata il 7 gennaio in Broletto
Il viceprefetto Patrizia Adorno si è insediata il 7 gennaio in Broletto

Patrizia Adorno si è insediata ufficialmente il 7 gennaio come vice prefetto vicario in Broletto. Ha immediatamente dovuto affrontare, di concerto con il prefetto Attilio Visconti, il problema dei richiedenti asilo nel passaggio da un bando per l’accoglienza all’altro. HA PRESO visione delle carte e fatto incontri. «Ci auguriamo di trovare una risposta ai nodi di questo periodo- sottolinea-. Ci sono persone ospitate da realtà che non hanno aderito al bando d’inizio anno che non possono essere messe in mezzo alla strada, tra loro anche famiglie. Tutti i percorsi hanno norme da rispettare. Non esiste lo stato di emergenza, anche se siamo dovuti intervenire con l’avviso per le manifestazioni di interesse il 31 dicembre, e le regole sono quelle vigenti. Vedremo se le disponibilità offerte saranno sufficienti a coprire i posti mancanti, tuttavia una soluzione va trovata anche nelle more dell’iter burocratico di valutazione di quelle disponibilità che richiede i suoi tempi tecnici. I centri delle realtà che hanno partecipato al bando sono ormai saturi e non sono possibili ulteriori trasferimenti - continua Adrono -. Abbiamo proposto ai centri attivi sino ad ora che i richiedenti asilo restino dove sono, però con una riduzione dei costi previsti allora, che non sono compatibili con le attuali prescrizioni. Intanto cercheremo di accelerare e di predisporre al più presto un nuovo bando anche per farci trovare preparati alle nuove evenienze, a possibili altri arrivi visto che il quadro internazionale pare assai movimentato e la situazione in Libia preoccupa non poco. Di mezzo ci potrà essere anche un intervento del Governo, noi intanto dobbiamo risolvere al meglio i problemi nei territori».

MA.BI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1