CHIUDI
CHIUDI

18.09.2020 Tags: Brescia

Nuovi contagi,
i timori di
settembre. Per due settimane 27 malati al giorno

È allarme nel Bresciano per il colpo di coda del Coronavirus e i positivi che non accennano a diminuire. Nei primi 15 giorni di settembre i nuovi casi registrati da Ats Brescia sono stati 404 e le proiezioni statistiche ne danno altrettanti entro fine mese. Come dire che la quota zero rimane un miraggio e che i numeri sono tornati pericolosamente vicini a quelli registrati a fine maggio, quando in totale si avevano avuto 1416 positivi. La curva dei contagi era scesa drasticamente a giugno con 664 positivi per poi crollare a luglio fino a 271 malati. Ad agosto, con 511 positivi registrati di cui almeno il 40 per cento dal rientro dalle ferie, l'ansia da Covid era tornata a far paura insieme agli isolamenti domiciliari tornati a livello di inizio giugno sopra i 600 in tutta la provincia. Ora, con i 404 positivi contati in 15 giorni e i 32 delle ultime 24 ore compreso un caso della Vallecamonica, Brescia risollecita all’uso di mascherine, distanziamento sociale e precauzioni per evitare che la fase 3 si concluda con un nuovo rigurgito della pandemia. IL DATO CHE FA ben sperare sono guariti saliti a 11614 su 14806 malati da febbraio, quando i positivi con marzo erano stati 7729 (aprile 3767). A questo vanno però aggiunti i sette casi in terapia intensiva ricoverati ancora agli Spedali Civili di Brescia di cui sei intubati. Rimangono fermi da 10 giorni i decessi che sono 273 in tutta la provincia, con una croce contata nei primi 15 giorni di settembre. Per quanto riguarda la suddivisione dei positivi per comune a Brescia si sono registrati se casi in più rispetto a ieri, uno a Desenzano del Garda, due a Palazzolo e quattro a Botticino. Il resto dei contagi sono distribuiti in tutta la provincia su un totale di 20 comuni diversi. SONO SALITI A 281 i casi di contagio in Lombardia, rispetto ai 159 di mercoledì. I decessi sono scesi da 2 a 1. In crescita i tamponi effettuati, pari a 21.757. Dei nuovi casi, 41 sono debolmente positivi, 11 a seguito di test sierologico. I guariti crescono di 130 unità a 78.240, mentre i ricoveri in terapia intensiva salgono da 30 a 32 e quelli non in terapia intensiva di 8, a 272. Tra le varie province si registrano 87 casi nel Milanese, di cui 42 nel capoluogo, 42 in provincia di Varese, 32 a Brescia, 30 a Varese, 26 a Bergamo e Monza Brianza. Sono 7 i casi a Como e Lecco, 5 a Lodi, 2 a Cremona, 1 a Sondrio e 0 a Mantova. Numeri che indicano come la pandemia sia ancora in corsa e che l’autunno dovrà avere la massima attenzione per evitare che il virus torni prepotentemente a colpire in maniera indiscriminata su tutto il territorio provinciale. In questo senso le istituzioni hanno fatto appello alle regole base da seguire per evitare nuovi contagi. • Giuseppe.spatola@bresciaoggi.it

Giuseppe Spatola
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1