CHIUDI
CHIUDI

18.09.2019

Parcheggi a Buffalora, è scontro

Via libera in commissione all’ampliamento della Cembre ma è scontro sul parcheggio
Via libera in commissione all’ampliamento della Cembre ma è scontro sul parcheggio

Tutti d’accordo sull’ampliamento Cembre, ma è scontro sul parcheggio. Ieri pomeriggio le commissioni congiunte Urbanistica e Lavori pubblici hanno accolto e votato all’unanimità (non voto solo di Maurizio Margaroli) il Piano attuativo sull’area agricola di proprietà dell’azienda in via Serenissima. Piano in variante al Pgt, che prevede la realizzazione di due capannoni nel campo tra la cascina storica a est e l’esistente insediamento industriale a ovest, per circa 10 mila metri quadrati di superficie coperta e 14 mila di Slp, come da richiesta della stessa Cembre. PER RISTRETTEZZA dell’area, però, il Piano prevede solo il 15 per cento di Slp di parcheggi di pertinenza in deroga al 30 per cento di norma, in cambio di un impegno aziendale a incentivare l’uso della metro tra i dipendenti. E c’è scontro. Le minoranze vogliono una soluzione, già presa in esame e scartata, che mediante una convenzione permetta a Cembre di utilizzare l’area feste di proprietà di Brescia Infrastrutture, che viene utilizzata in agosto per la festa di Radio Onda d’urto. E non fanno mistero che sarebbe anche un modo per cacciare definitivamente il Magazzino 47 da quell’area. Già che ci sono accusano pure la Giunta Del Bono di aver stralciato dal Prg 2012 della Giunta Paroli, con una decisione «politicamente sbagliata nel 2016», l’ambito di trasformazione previsto e di «aver fatto inutilmente perdere sette anni a un’azienda d’eccellenza che cresce e dà lavoro», come accusano Paola Vilardi (Fi) e Michele Maggi (Lega). Mentre Massimo Tacconi (Lega) fa notare che il Piano attuativo Cembre arriva in commissione «a due anni dalla richiesta dell’azienda del 2017». Tiboni precisa che il parcheggio, in parte già sistemato da Brescia Infrastrutture, è utilizzabile da tutti, dunque anche dai dipendenti dell’azienda. Tuttavia è inserito già nel piano di ampliamento della sosta al capolinea est della metro e non può essere oggetto di convenzione. Tanto più che Brescia Infrastrutture ha dovuto affrettare i lavori di sistemazione per via del parcheggio in struttura già saturo. Quanto al resto, precisa le ragioni dello stralcio dell’ambito di trasformazione, che «avrebbe concesso quantità di aree teoriche e non definite e comunque avrebbe richiesto un Piano attuativo». La soluzione del «patto» con i «capisaldi di produzione», invece, passa subito al Piano, «ha permesso a Cembre di valutare bene le sue esigenze – dice l’assessore -, e la richiesta si è ridotta a 10 mila metri quadri rispetto ai 50 mila iniziali». Per il resto, si prevede la cessione all’azienda del tratto terminale di via Maiolini e un pezzo adiacente di area incolta destinati a parcheggio asservito a uso pubblico. L’azienda a scomputo degli oneri sistemerà corso Bazoli, per questo stralciato dal Piano triennale delle opere pubbliche, e dovrebbe trovare una soluzione alla connessione di via Buffalora con via Serenissima. Ma qui si usa in condizionale, poiché il quartiere al posto di una rotatoria al bivio di Buffalora preferirebbe mettere in sicurezza gli attraversamenti su via Serenissima a Cembre, al laghetto Fips per altro accesso al Parco delle Cave e al centro sportivo Rigamonti più a est. E preferirebbe che la rotatoria si facesse tra via San Polo e via dei Santi. Con Tiboni che si dice pronta a discuterne. Sul parcheggio Vilardi annuncia un emendamento. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mimmo Varone
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1