CHIUDI
CHIUDI

21.01.2020

Piazza Arnaldo,
suona l’ora
dell’assemblea

Lo spostamento delle fioriere creerebbe spazi per la sosta regolareVandalismo del venerdì sera su una fioriera di via Trieste
Lo spostamento delle fioriere creerebbe spazi per la sosta regolareVandalismo del venerdì sera su una fioriera di via Trieste

La pedonalizzazione di piazzale Arnaldo sarà al centro dell’assemblea pubblica che si terrà domani sera nella sala Ambiente Parco di largo Torrelunga alle 20.30. Un appuntamento che il Consiglio di quartiere di Brescia Antica aveva chiesto al Comune già nell’autunno scorso. L’organizzazione dell’assemblea è stata però complicata dalla difficoltà di trovare una data che mettesse d’accordo le agende del sindaco e degli assessori. Si è così arrivati al nuovo anno. Domani sono annunciati oltre a Del Bono, gli assessori Valter Muchetti, Miriam Cominelli, Federico Manzoni ed Alessandro Cantoni. La pedonalizzazione del piazzale oltre ad aver creato due fronti, di contrari e di favorevoli, ha posto sul tappeto alcuni nodi «oggettivi» che saranno sottoposti all’amministrazione dal Cdq, presieduto da Rossella Cordua. A cominciare dal parcheggio, in parte selvaggio in parte dovuto allo scarso numero di stalli per il carico e scarico, lungo le fioriere ad est del piazzale, nei pressi della statua di Arnaldo. Tema rispetto al quale la proposta è di uno spostamento delle fioriere verso l’interno del piazzale, in modo da ricavare alcuni posti dedicati al rifornimento degli esercizi commerciali. Evitando improvvisazione e caos. In discussione anche l’ipotesi di un portale Ztl ad hoc per la piazza che ha un regime di divieto di ingresso 24 ore su 24, diverso dunque da quello che regola il passaggio da vicolo dell’Aria: dalle 8 alle 18. Altro argomento già sollevato dal Cdq, quello della sicurezza: in più di un caso, i mezzi di soccorso hanno avuto problemi per intervenire tempestivamente in zona. AL CENTRO DEL dibattito di domani pure la questione della musica ad alto volume, che nei fine settimana, soprattutto estivi, si prolunga oltre l’orario consentito. E che spesso è diffusa da djset posti all’esterno di alcuni locali: altro tema, questo, all’attenzione del consiglio di quartiere. Diversa la problematica degli schiamazzi notturni, delle bottiglie rotte lasciate in strada, degli atti vandalici e in generale dei cascami della movida, che attiene alla educazione degli avventori e alla qualità dei controlli di ordine pubblico. Infine, il tema della chiusura al traffico sarà discusso alla luce degli esiti invernali del provvedimento sugli affari di bar e locali, e delle ricadute commerciali sulle attività diurne. Per queste, la dinamica innescata pare quella della sostituzione progressiva con altro food&drink. PRESENTE all’assemblea anche il comitato dei residenti e commercianti (che inizialmente annoverava anche un rappresentante degli esercizi pubblici, poi chiamatosi fuori) che si era costituito su posizioni critiche all’indomani della pedonalizzazione. Il comitato, che è per un ripensamento del provvedimento di chiusura, ha incontrato l’amministrazione comunale l’ultima volta ad ottobre. Nell’occasione l’amministrazione ha ribadito che la pedonalizzazione è nel programma di mandato della Giunta Del Bono. All’ordine del giorno dell’assemblea ci saranno altri punti che riguardano il centro storico in generale. Legati al miglioramento della qualità della vita. Dalle difficoltà di passaggio in alcune strade a causa delle auto posteggiate dove non è consentito, alle code nelle ore di apertura e chiusura delle scuole, al perimetro della Ztl eccetera. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Eugenio Barboglio
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1