CHIUDI
CHIUDI

02.06.2020 Tags: Brescia

Riaprono le palestre Distanti, protetti e pronti ad allenarsi

Riaprono le palestre. Mascherina al collo anche in sala attrezzi
Riaprono le palestre. Mascherina al collo anche in sala attrezzi

Qualcuno la borsa l'ha sempre avuta pronta nel bagagliaio dell'auto in attesa che arrivasse il via libera e non appena è scattata l'ora si è fatto trovare all'ingresso. Piscine, e palestre, abbandonano il letargo imposto dal Covid 19. Già venti minuti prima delle 6 i primi utenti si sono avvicinati al cancello dell'impianto natatorio di Mompiano. LE TRANSENNE nei pressi dell'ingresso sono lì a ricordare che da oggi anche per entrare in vasca bisognerà rispettare le distanze, utilizzare un po' di buon senso e mettere in conto di «perdere» qualche minuto in più. «La riapertura è stata morbida – spiega David Bertoli, direttore del centro sportivo San Filippo –. Per il momento in funzione c'è solo la vasca da 25 metri interna. Da venerdì apriremo anche il lido estivo: a quel punto la macchina sarà completamente in moto anche se molte cose saranno diverse». A partire dall'ingresso nell'impianto. «Per accedere bisognerà compilare un modulo per garantire il proprio stato di salute - spiega Bertoli -. Poi bisognerà farsi provare la temperatura. Per queste prime due settimane ci sarà un addetto per le misurazioni, poi arriveranno i body scanner e le procedure potrebbero accelerarsi». Percorsi e spogliatoi separati per evitare chi entra e chi esce dall'impianto possa incrociarsi. «Ci si cambierà negli spogliatoi al piano terra – anticipa Bertoli - mentre per rivestirsi e farsi la doccia bisognerà utilizzare gli spazi al piano interrato, negli spogliatoi che solitamente vengono utilizzati dalle squadre quando gioca la pallanuoto». Negli spogliatoi gli ingressi saranno contingentati. «Otto persone alla volta. Ci si potrà fare la doccia ma tra due persone dovrà esserci una doccia spenta. Non si potrà lasciare nulla negli spogliatoi, nemmeno negli armadietti. Tutto va infilato in borsa e portato sul piano vasca». Dove si dovrà arrivare con la mascherina. «Nelle corsie, rispettando i due metri di distanza tra uno e l'altro possono starci fino a sette persone – ricorda Bertoli –. Tra vasca interna e lido si può arrivare a un massimo di 500 persone. La scorsa estate si arrivava a 1.200». Da venerdì come detto apriranno le vasche esterne. «Ombrelloni e sdraio saranno fissi. Saranno sanificati ogni volta che passerà da un utente all'altro – spiega Bertoli –. Non c'è limite di tempo e necessità di prenotare, se però il lido è pieno bisognerà attendere che qualcuno lo lasci per potervi accedere». Al San Filippo la piscina dell'Europa Sporting Club ha riaperto e pure il lido esterno. «Questi primi giorni serviranno a capire la voglia di sport dopo tanto tempo» spiega Camilla Sacconi, la legale rappresentante. Giornata da ricordare, quella di ieri anche per gli amanti della palestra. «La risposta è buona – ammette Sacconi –. Per accedere ai nostri spazi serve però prenotare attraverso una applicazione». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Cittadini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1