CHIUDI
CHIUDI

19.05.2019

Rilancio della facoltà di Lettere con Scienze turistiche e Dams

Si amplia l’offerta formativa dell’Università Cattolica di via Trieste con due nuove lauree triennali
Si amplia l’offerta formativa dell’Università Cattolica di via Trieste con due nuove lauree triennali

Scienze turistiche e valorizzazione del territorio, Dams. Sono le due nuove lauree triennali della facoltà di Lettere, presentate ieri in via Trieste, all’Università Cattolica. «Dopo la crisi degli ultimi anni, la facoltà è in forte ripresa. Ci si è resi conto dell’importanza nelle professioni e nelle aziende, vecchie e soprattutto future, del saper comunicare, del saper comprendere, ragionare criticamente, organizzare il pensiero, sintetizzare opportunamente, chiarire agli altri. In ogni caso anche nell’era digitale, di fronte alla grande quantità di testi, occorre capire e narrare» ha spiegato Angelo Bianchi, preside della facoltà, che ieri ha incontrato le potenziali aspiranti matricole. OGNI ANNO, sono 600 le nuove iscrizioni, di cui 180 circa a Brescia, il resto a Milano. In totale frequentano in seimila, fra triennali e magistrali. In aula magna, a portare la sua testimonianza, è stata chiamata Valentina Gheda, laureata in Lettere, con un lavoro all’editrice Morcelliana. «Ho fatto la scelta umanistica sconsigliatissima, ma ho voluto dare ascolto al cuore. Ci vuole coraggio di questi tempi, ma non si sbaglia mai quando si segue la passione. E ho fatto bene, ho il lavoro più bello del mondo. Del resto ho sentito in tanti ingegneri la nostalgia umanistica, non ho mai sentito in un letterato il rimpianto della tecnica» ha raccontato dal palco ai giovani e alle loro famiglie. La Cattolica, ha sottolineato il professor Bianchi, non dimentica il ruolo tradizionale di studio e di coltivazione del deposito del sapere che l’uomo ha prodotto, per tramandarlo ai posteri: ci pensano la triennale in Lettere e la magistrale il Filologia moderna. Ma negli ultimi decenni si è puntato anche sul ventaglio di opportunità inedite che il bagaglio di conoscenze può dare nel mondo della cultura ma anche delle aziende. Così lo Stars, Scienze e tecnologie delle arti e dello spettacolo, tornerà ad essere Dams, Discipline delle arti, dei media e dello spettacolo, per formare i competenti con preparazione storica e teorica e conoscenza delle tecniche per il management nel mondo dell’arte, della comunicazione mediale, dello spettacolo. A completare l’offerta già esiste al Sacro Cuore la laurea magistrale in Gestione dei contenuti digitali per i media, le imprese e i patrimoni culturali, Ge.Co. Altro settore in forte sviluppo è il turismo in un paese che, con 54 su 1092 siti Unesco, è il più segnalato al mondo. Qui si indirizza la triennale specifica dal 2019-20 che si propone di formare tecnici, operatori, progettisti del fenomeno turistico. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Magda Biglia
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1