CHIUDI
CHIUDI

16.05.2019

«Soldi illeciti al partito» Bonometti è indagato

L’europarlamentare di Forza Italia Lara Comi, anch’essa indagata L’imprenditore bresciano Marco Bonometti è stato interrogato due giorni fa: ora è indagato
L’europarlamentare di Forza Italia Lara Comi, anch’essa indagata L’imprenditore bresciano Marco Bonometti è stato interrogato due giorni fa: ora è indagato

Finanziamento illecito ai partiti. Con questa accusa è stato iscritto, nel registro degli indagati della procura di Milano, Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia. E nella stessa vicenda è indagata anche l’europarlamentare di Forza Italia Lara Comi. BONOMETTI era stato interrogato a lungo due giorni fa, in procura a Milano. Un interrogatorio in cui era stato sentito, dai pm milanesi, come persona informata sui fatti. Al termine, però «per sua garanzia», era stato invitato a nominare un difensore. Nelle ore successive è emersa la notizia che il leader del gruppo Omr di Rezzato è indagato con l’accusa di finanziamento illecito ai partiti. Al centro degli accertamenti degli inquirenti e degli investigatori c’è il conferimento di un incarico per due studi, ricerche di mercato da utilizzare per eventuali nuovi investimenti del gruppo. Si tratta in particolare di studi che sarebbero stati realizzati da una società, la Premium consulting srl dell’europarlamentare di Forza Italia Lara Comi. Per il lavoro della società il gruppo guidato da Bonometti ha pagato 31mila euro. E proprio questa è la cifra contestata dalla procura di Milano. Per gli inquirenti milanesi si tratta di un finanziamento illecito dell’industriale alla Comi. Un finanziamento mascherato da una consulenza. Sempre secondo la procura di Milano quella consulenza si concretizzerebbe, almeno in parte, in una tesi di laurea scaricabile anche on line dal titolo «Made in Italy: un brand da valorizzare e da internazionalizzare per aumentare la competitività delle piccole aziende di torrefazione di caffè». Marco Bonometti ha negato che quella fattura da 31mila euro, che sarebbe stata pagata in due tranche, rappresenti un finanziamento al partito. Lo ha detto anche l’altra sera nell’interrogatorio a cui è stato sottoposto in procura a Milano. Il leader del gruppo Omr era arrivato a palazzo di giustizia a Milano accompagnato da un amministratore della Omr holding. Non c’era quindi l’avvocato di fiducia Luigi Frattini. «Mai commesso alcun illecito» ha commentato ieri Bonometti, con riferimento alla vicenda giudiziaria in cui da due giorni è coinvolto. In una nota Bonometti spiega inoltre di non voler «violare la giusta riservatezza dovuta alle questioni giudiziarie» e aggiunge che l’«unico elemento da sottolineare» è «il clima di piena collaborazione instaurato con i magistrati». LARA COMI è candidata alle prossime elezioni europee e, sulla vicenda del presunto finanziamento illecito è intervenuto anche il suo legale. L’avvocato Gian Piero Biancolella ha infatti spiegato che «la consulenza era regolare e non c’è stato alcun finanziamento illecito». L’avvocato ha inoltre aggiunto: «Quale legale incaricato dall’Onorevole Comi, posso con decisione contestare che sussista l’illecito ipotizzato. Non vi era motivo alcuno che impedisse che un finanziamento del tutto lecito potesse essere effettuato secondo le modalità previste dalla legge. Non vi era quindi motivo per simulare un contributo elettorale con una prestazione di servizi. In ogni caso la prestazione è stata resa dalla società, nell’ambito dell’oggetto sociale della stessa e nell’ambito delle specifiche competenze». Ma per gli inquirenti milanesi Marco Bonometti avrebbe fatto un versamento di 31mila euro in vista delle elezioni europee per Lara Comi, «mascherato» da consulenza. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mario Pari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1