CHIUDI
CHIUDI

19.06.2019

Stadio, avanzano
i lavori Australiani,
c’è il piano B?

Lavori allo stadio Rigamonti in vista della serie A
Lavori allo stadio Rigamonti in vista della serie A

Sono partiti dalle tribune i lavori di adeguamento del Rigamonti al massimo campionato. Poi, fra una decina di giorni, si metterà mano alle curve, per l’ampliamento e il rifacimento, alla ventina di sky box da costruire. Intanto, agli inizi di luglio si dovrebbero rivedere in città gli australiani. John Caniglia arriverà a Brescia via Milano, dove si fermerà qualche giorno. Con la concessione di nove anni data a Cellino (per ora solo provvisoriamente), la situazione per gli investitori di Melbourne non è certo più semplice. Tant’è che pare stiano valutando con più convinzione un’alternativa, come costruire lo stadio nuovo su un’altra area (via della Maggia). Benchè gli australiani di Centrum Stadia siano consapevoli che il modello di business che hanno presentato è costruito su Mompiano.

 

IERI SI È RIUNITO per la seconda volta il tavolo «non tecnico e non istituzionale» in Prefettura, istituito per far fronte a eventuali criticità o difficoltà amministrative del Brescia Calcio nella realizzazione dei lavori. Stamattina, invece, apre il cantiere comunale (di Brescia Infrastrutture) a ridosso della curva sud per demolire la vecchia piscina e ricavarne un parcheggio indispensabile per alleggerire l’assedio del quartiere durante le partite in casa. Premesso che i lavori attuali procedono senza difficoltà, ieri la Società ha comunicato che fra una decina di giorni presenterà – spiega il viceprefetto Beaumont Bortone – istanza di permesso di costruire per l’ampliamento della curva sud destinata alla tifoseria ospite, un’altra istanza per la costruzione degli sky box e una terza per la realizzazione del Brescia Point esterno allo stadio. Il tavolo si riunirà di nuovo giovedì 20, e non è escluso che per quella data le istanze con relativi progetti verranno presentate. Intanto una dopo l’altra vanno a segno le tessere “burocratiche”, che ruotano intorno alla concessione dello stadio e al passaggio di serie delle Rondinelle. La settimana scorsa la Commissione provinciale di vigilanza sui locali di pubblico spettacolo della Prefettura ha effettuato il previsto sopralluogo all’impianto e ha espresso parere favorevole al rilascio della relativa agibilità da parte del Comune. La Commissione ha verificato che l’attuale capienza del Rigamonti è di complessivi 16.157 posti, il che permette l’iscrizione alla Serie A. Rimane aperta la pratica di concessione per nove anni, ma è solo una formalità. Dopo il bando a concorrente unico, il Brescia Calcio ha ottenuto l’aggiudicazione provvisoria, in attesa che si completi la documentazione necessaria per la definitiva. Al momento manca solo la dichiarazione antimafia. Dalla Loggia fanno sapere che il termine del silenzio/assenso scade il 13 luglio, e poichè non si vedono ragioni per chiedere una procedura d’urgenza, il contratto di concessione verrà firmato solo entro la fine del mese prossimo. Nella corsa contro il tempo, la Loggia fa la sua parte con il parcheggio sul sito della vecchia piscina. Con l’assicurazione dell’assessore ai Lavori pubblici Valter Muchetti che i nuovi posti auto saranno a disposizione in tempo per l’avvio del campionato. I lavori da 600 mila euro per la demolizione della piscina e la realizzazione del parcheggio sono stati provvisoriamente aggiudicati alla Bianchetti Costruzioni, che oggi ha avuto la consegna parziale dell’area. Federico Manzoni, che ha delega alla Mobilità, precisa che la consegna totale avverrà lunedì prossimo e i lavori (60 giorni a termine di contratto) si concluderanno il 23 agosto, il giorno prima dell’avvio del campionato.

 

IL PROGETTO prevede la demolizione degli spogliatoi in cemento sul fronte di via dello Stadio, per ampliare il parcheggio interno riservato ai vip – spiega Muchetti -, che sarà aperto al quartiere nel resto della settimana. Verrà poi demolita la vecchia struttura in ferro della piscina, e la sua area sarà destinata a parcheggio per le tifoserie ospiti, come chiesto dalla Digos. Ci saranno posti per auto e pure per sette/otto pullman. L’aiola esistente verrà tagliata per creare una zona filtro con tornelli, che permetterà agli ospiti di raggiungere direttamente la sezione della curva sud a loro assegnata. Tutto in tempi rapidi, grazie al finanziamento trovato da Manzoni. «Abbiamo qualificato il parcheggio come opera complementare della metropolitana, che aveva portato alla dismissione della vecchia piscina – dice l’assessore -, perciò nella delibera di marzo con gli obiettivi gestionali di Brescia Infrastrutture l’abbiamo affidata alla Partecipata che fa l’intervento con benefici sul bilancio comunale e con tempi di progettazione più rapidi rispetto a quelli possibili ai nostri uffici». Il parcheggio, dunque, sarà pronto in tempo, anzi in anticipo. C’è da sperare che sia così anche per le altre opere.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mimmo Varone
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1