CHIUDI
CHIUDI

24.05.2020 Tags: Brescia

«State tutti a casa»: la piazza ora è vuota

Fino a un paio di settimane fa la «piazza» che ospitava il partito di chi diceva «si deve stare a casa» era sempre piena. All’ora dell’aperitivo, a pranzo, a cena, di notte, a decine si sgolavano ribadire come fosse necessario tenere la guardia alta, come fosse indispensabile controllare le distanze e come l’utilizzo della mascherina fosse vangelo. Tutti lo dicevano, così come avevano fatto per i due mesi precedenti: per contenere il contagio bisogna avere comportamenti responsabili. Improvvisamente tutta questa gente è sparita. O forse un po’ si è ritrovata a piazza Arnaldo per scambiarsi opinioni sulla plasmaterapia. D’altra parte però era anche abbastanza prevedibile, viste le avvisaglie delle serate precedenti, che la situazione del venerdì avrebbe potuto prendere una piega pericolosa. Adesso si interverrà: si spera, in maniera decisa e definitiva. Perchè a Brescia bastano i guai causati dal Covid.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1