CHIUDI
CHIUDI

12.07.2020 Tags: Brescia

Tempesta e danni.
Una bomba d’acqua
ha investito la città

Un albero sradicato in piazza Garibaldi SERVIZIO FOTOLIVE Altri danni del maltempo in via XX settembre con danni alle vetrineIn via Malta, a Brescia Due, alberi sono finiti sulla carreggiataIl forte vento si è abbattuto sulla città ad oltre 100 km orariIn largo FormentoneAlbero sulla tangenzialeDanni ingenti al Vantiniano come in altri cimiteri cittadiniConsistenti danni in via Veneto per le auto parcheggiateAnche la protezione civile in campo per sgomberare le strade
Un albero sradicato in piazza Garibaldi SERVIZIO FOTOLIVE Altri danni del maltempo in via XX settembre con danni alle vetrineIn via Malta, a Brescia Due, alberi sono finiti sulla carreggiataIl forte vento si è abbattuto sulla città ad oltre 100 km orariIn largo FormentoneAlbero sulla tangenzialeDanni ingenti al Vantiniano come in altri cimiteri cittadiniConsistenti danni in via Veneto per le auto parcheggiateAnche la protezione civile in campo per sgomberare le strade

Una questione di pochi minuti e di parecchia paura. Quella di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato. Il nubifragio, con grandine e fortissime raffiche di vento si è abbattuto sulla città intorno alle 15.30. CHE QUALCOSA di preoccupante stesse arrivando si era comunque capito. Il cielo, si era fatto sempre più scuro, a un certo punto quasi nero. Poi, le prime gocce e il vento che ha iniziato a soffiare sempre più forte. Ma dalle prime gocce alla tempesta e poi alla grandine è passato pochissimo e quindi non tutti hanno avuto la possibilità di mettersi al riparo. La pioggia, anche a causa del vento rendeva difficilissima la guida, oscurando, di fatto il parabrezza. Così nei minuti di paura sono state parecchie le auto che hanno accostato, nel primo punto utile, per evitare incidenti. Quindi la grandine, fortunatamente, almeno in città, non di grandissime dimensioni, ma in quantità tale da essere comunque molto pericolosa. Complessivamente poco più di un quarto d’ora per quello che è stato il primo nubifragio davvero potente che si è abbattuto sulla città quest’estate. Per capire bene cosa fosse accaduto e quali i fossero i danni è stato necessario attendere che la situazione si calmasse. Poi, ancora una volta si è preso atto che il problema principale, ma non certo l’unico, era rappresentato dall’abbattimento di una quantità imprecisata di alberi. Piante che sono finiti su auto, cancellate, dentro i bar, sui tavolini all’aperto, in diverse zone della città, spinte da raffiche di vento che sono arrivate anche a 130 chilometri orari. Nel frattempo sono iniziate quelle che sarebbero state lunghe ore di lavoro per i vigili del fuoco e la polizia locale. Anche perchè i danni non sono stati solo quelli visibili lungo le strade: ci sono state infiltrazioni che hanno reso necessario un lungo lavoro dei vigili del fuoco per accertarne le conseguenze. E nelle ore successive al nubifragio si sentivano per la città ancora le sirene dei vigili del fuoco il cui centralino era bollente. I primi provvedimenti, conseguenza della particolarmente violenta ondata di maltempo, sono arrivati subito. È stata disposta per oggi e domani, la chiusura di tutti i cimiteri cittadini, mentre domani saranno garantite le funzioni funebri con accesso limitato ai parenti del defunto. Chiusi anche Campo Marte e il parco Ducos. Il sole è tornato a splendere sulla città poco dopo il nubifragio, come se tutto fosse stato un bruttissimo scherzo meteo. Ma la realtà, come già capitato anche nelle estati scorse, ormai è quella. La natura presenta il conto e si spera di poter limitare i danni. Certamente questa è una delle ondate di maltempo più violente e inquietanti a cui si è assistito negli ultimi anni in città. Il terribile mix di pioggia torrenziale, vento e grandine non verrà dimenticato molto presto. In provincia e in città ci sono stati tetti scoperchiati, ma il problema principale ieri era rappresentato dalle conseguenze degli alberi abbattuti dal vento. LA CONTA dei danni sarà sicuramente più precisa nelle prossime ore. Ma già da oggi è possibile affermare che non sarà cosa da poco. Con il problema che si ripresenta in termini sempre più consistenti degli alberi abbattuti dalle ondate di maltempo estive. Il fortissimo vento che si è alzato nel giro di pochi secondi nel pomeriggio di ieri ha provocato danni un po’ in tutte le zone della città. Chi aveva parcheggiato l’auto sotto un albero in cerca d’ombra, si è ritrovato, in diversi casi, a dover rimuovere i rami o peggio. Alle altre ci penseranno i carrozzieri. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Mario Pari
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1