CHIUDI
CHIUDI

22.11.2019

Trova il ladro in casa
e viene accoltellato:
paura in via Cremona

L’ingresso della casa presa di mira dal ladro fuggito a mani vuote
L’ingresso della casa presa di mira dal ladro fuggito a mani vuote

Chi è entrato in casa sapeva benissimo come fare ed era forse convinto di trovare un tesoretto. Il malvivente si è invece trovato davanti il proprietario di casa che lo ha affrontato ricevendo almeno tre coltellate, una delle quali lo ha colpito al polmone. Non sono per fortuna gravi le condizioni di Giuseppe Gatta, 64enne di Brescia, ferito la scorsa notte nel corso di un tentativo di rapina nella casa di via Cremona che divide con la moglie. Era circa mezzanotte quando Gatta, che vive al primo piano di una bifamiliare che divide con il figlio Nicolò (ai vertici del Pd cittadino) che abita al piano terra ed è stato tra i primi a soccorrerlo, ha sentito dei rumori sospetti in casa e ha cercato di scoprirne il motivo.


A QUEL PUNTO si è trovato di fronte un uomo che nel buio lo avrebbe prima cercato di stordire con un corpo contundente e quindi lo ha ferito con alcune coltellate che per fortuna non sono arrivate troppo in profondità. Gatta ha cercato di difendersi, ma non è riuscito ad avere la meglio sul bandito che si è dato alla fuga senza portare via nulla dalla casa se non il coltello utilizzato per l’aggressione.


ANCHE LA MOGLIE di Gatta si è trovata davanti il malvivente. La donna stava dormendo in camera, quando ha sentito il marito lamentarsi. Quando è uscita dalla stanza da letto la donna si è trovata davanti un uomo con il volto coperto con una sciarpa che l’ha spintonata via prima di raggiungere il balcone e far perdere le proprie tracce nel buio della notte. Gatta ha provato a inseguire per strada il ladro, ma una volta arrivato al cancello di casa si è dovuto fermare e lì ha atteso l’arrivo dell’ambulanza e delle forze dell’ordine. Gatta è stato portato alla Poliambulanza dove è ricoverato.


DIETRO LA RAPINA della scorsa notte potrebbero esserci i rapporti che Gatta ha stretto durante la sua vita lavorativa. Per anni è infatti stato il proprietario della gioielleria Gatta di corso Cavour, chiusa da settembre. In corso Cavour, Gatta è molto conosciuto. «Il negozio è chiuso da qualche tempo - racconta chi frequenta quotidianamente questa zona del centro storico - Si è arreso alla crisi e nel tempo sembra abbia accumulato qualche debito che con la famiglia stava cercando di ripianare. Era comunque qui quasi tutti i giorni a prendere il caffè». La notizia della sua aggressione era sulla bocca di tutti già dalle prime ore del mattino. E per qualcuno la tentata rapina, per così dire, non è stata una sorpresa: «Da qualche tempo gli girava intorno gente poco raccomandabile - racconta chi lo ha visto solo qualche ora prima dell’aggressione -. Dopo la chiusura del negozio più volte aveva detto di avere con sé ancora due rotoli con gli ultimi preziosi rimasti e che avrebbe voluto vendere a prezzi decisamente vantaggiosi. Qualcuno potrebbe averlo sentito e ha organizzato il colpo».


È QUINDI PROBABILE, la pista non è ovviamente tralasciata ai carabinieri di Brescia, che Gatta possa essere in grado di riconoscere chi lo ha ferito. Nelle scorse ore i carabinieri lo hanno sentito, ma per lo shock il 64enne non è stato in grado di fare un racconto esauriente. Sarà ascoltato nelle prossime ore così come accadrà anche ai suoi familiari che verranno sentiti dai millitari e dal pm di turno, il sostituto procuratore Maria Cristina Bonomo. Un aiuto al lavoro degli inquirenti potrebbe arrivare dalle immagini di una telecamera di sorveglianza montata in zona. Nel filmato scaricato dai carabinieri da una delle telecamere si vedrebbe infatti un uomo allontanarsi in tutta fretta. PER ORE ieri mattina i carabinieri della Scientifica hanno lavorato all’interno della casa dei Gatta in via Cremona. I militari hanno isolato tutte le tracce possibili. Secondo una prima ricostruzione il bandito avrebbe raggiunto la casa passando per i tetti quindi si sarebbe introdotto forzando la finestra della cucina. Una volta all’interno il malvivente si sarebbe messo a cercare i gioielli e altri beni. La sua irruzione è però stata disturbata dal proprietario di casa che lo ha affrontato. Così è nata la colluttazione nel corso della quale Gatta è rimasto ferio. La caccia all’uomo è partita immediatamente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Paolo Cittadini
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1