CHIUDI
CHIUDI

03.06.2020 Tags: Brescia

Un flash mob «tricolore» di FdI: «È ora di ripartire»

Il direttivo di  Fratelli d’Italia sulle scale delle Poste in piazza Vittoria
Il direttivo di Fratelli d’Italia sulle scale delle Poste in piazza Vittoria

Nel rispetto delle norme che vietano gli assembramenti, il Coordinamento Provinciale di Fratelli d'Italia di Brescia ha effettuato un «flash mob» di protesta contro le decisioni adottate dal governo Conte durante tutto il periodo Covid-19. I dirigenti locali di FdI hanno occupato simbolicamente piazza Vittoria sventolando il tricolore. «IL GOVERNO - ha rimarcato il senatore Gianpiero Maffoni, sindaco di Orzinuovi epicentro del focolaio bresciano - deve intervenire sulle aziende e garantire la ripartenza della locomotiva lombarda». Il flash mob di piazza Vittoria è stata occasione per presentare ufficialmente il nuovo coordinamento del partito di Giorgia Meloni in provincia di Brescia. Oltre al coordinatore (e sindaco di Orzinuovi e senatore) Gianpietro Maffoni, del direttivo fanno parte l’ex sindaco di Palazzolo ed ex consigliere regionale (con la civica maroniana) Alessandro Sala (che è responsabile Enti locali), Diego Zarneri (referente dei Dipartimenti), l’ex sindaco di Pisogne Diego Invernici (responsabile Organizzazione) e altri nomi noti del mondo ex An. «In occasione della ripartenza legata alla Fase Due – ha proseguito Maffoni – ho voluto dare un segnale forte di ripresa politica anche a livello provinciale. Fratelli d’Italia è un partito in crescita che sfiora il 15% del consenso nazionale. Brescia per estensione è la prima provincia della Lombardia e merita una struttura all’altezza del partito creato dalla nostra leader Giorgia Meloni. L’esecutivo è costituito da un giusto mix di esperienza e gioventù. Ho voluto premiare sia il percorso amministrativo sia le capacità».

GIU.S.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1