CHIUDI
CHIUDI

10.08.2020 Tags: Brescia

«Viaggi a
rischio? Agenzie
bresciane serie»

È un momento molto particolare per le agenzie di viaggio bresciane che cercano di risollevarsi
È un momento molto particolare per le agenzie di viaggio bresciane che cercano di risollevarsi

La categoria è in subbuglio. Le agenzie viaggi bresciane respingono con forza ogni generalizzazione e si dissociano da chi organizza pacchetti per i giovani senza attenzione alle misure di sicurezza contro il Covid, «lavorando con siti internet, proponendo prezzi accattivanti e offerte con assembramenti per i luoghi della movida». A parlare per loro è Marco Copeta, presidente provinciale e membro nazionale dell’Associazione Imprese Viaggi e Turismo di Confesercenti, titolare di Arnaldo Viaggi: «Non bisogna fare di tutta l’erba un fascio», dice dopo che si è saputo che a gestire il tour croato da cui sono tornati 24 ragazzi contagiati da Coronavirus era stato un operatore di casa nostra: «Si verifichi da parte di chi è competente se gli organizzatori hanno tutti i requisiti che a noi vengono richiesti, il fondo di garanzia, il direttore tecnico, prima di infierire su un settore che non è più nemmeno in ginocchio, è già steso a terra e lavora per riuscire a rialzarsi, per sé e per i propri dipendenti, ma in modo rispettoso dei decreti. Va salvata l’opera di chi si muove con professionalità, con esperienza di anni, non è giusto rovinare l’immagine di un mondo già in grossa difficoltà e che è una fetta importante dell’economia bresciana», dichiara Copeta. «I NOSTRI CLIENTI sanno bene che anche durante il lockdown ci siamo dati da fare per loro, per far rientrare faticosamente chi era rimasto all’estero, per dare una mano esperta anche a quelli del fai da te; sanno che assieme abbiamo faticato per i rimborsi, nonostante noi siamo l’anello debole della catena e gli anticipi ad alberghi e compagnie aeree li avessimo già dati. Praticamente il nostro smart working di quel periodo era solo per quello, poi quando abbiamo aperto abbiamo visto solo qualche piccolo spiraglio». La categoria, sottolinea Copeta, anche durante questo mese di agosto sta lavorando «al 30 per cento della solita attività, di fronte a un turismo di prossimità, da week end o toccata e fuga che non passa dalle nostre vetrine. Non è più il tradizionale Ferragosto. E il bonus di Franceschini ha funzionato all’1 per cento. Meglio sarebbe stato il credito d’imposta al 19 per cento, ma il Governo non ha ascoltato i nostri consigli tecnici. Eppure siamo appassionati e andiamo avanti, come abbiamo fatto dopo la guerra del Golfo, dopo le Torri gemelle. Ma non accettiamo di essere accomunati al negativo». «Io - aggiunge- assemblo viaggi in pullman, ma mi servo di società bresciane serie, non low cost, e affermate. Le regole vengono seguite e scritte sui materiali che forniamo. Ancora oggi i miei mezzi non partono pieni, sono 36 su 56 i posti, e chi non mette la mascherina non può partecipare, così come chi non supera l’esame della febbre. Il problema semmai oggi sono i voli aerei che vengono annullati dopo la prenotazione. Certo i giovani cercano soluzioni a basso prezzo, però, come hanno dichiarato loro stessi, forse è meglio fare un po’ più di attenzione». CONFERMA lo sconforto dei colleghi Gianbattista Merigo dell’omonima agenzia, veterano del mestiere: «Esiste un protocollo, noi dobbiamo seguirlo; sarebbe opportuno che si facessero controlli a monte, siamo molto amareggiati proprio mentre stiamo compiendo ogni sforzo per superare le conseguenze di un periodo durissimo che per noi non è finito». •

Magda Biglia
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1