CHIUDI
CHIUDI

05.12.2019

Viene dimessa
e ha un infarto
In coma 42enne

L’ingresso del Pronto soccorso dell’ospedale Mellino Mellini di Chiari
L’ingresso del Pronto soccorso dell’ospedale Mellino Mellini di Chiari

Il 20 novembre si era recata all’ospedale di Romano di Lombardia accusando dolori al petto. I medici del nosocomio bergamasco dopo alcuni accertamenti l’avevano rimandata a casa. «Lei signora sta meglio di noi», le avrebbero detto i medici prima di dimetterla. Mezzora dopo la donna, una 42enne romena residente nella Bergamasca, ha avuto un infarto e i familiari l’hanno portata all’ospedale di Chiari dove si trova in coma. «DENUNCIO l’ospedale di Romano Lombardia perché non è possibile che mia moglie sia stata dimessa nonostante continuasse a dire di avere dolori», sottolinea il marito della donna. «Lasciamo lavorare la magistratura e gli inquirenti - spiega il legale della famiglia, l’avvocato Massimiliano Battagliola - La signora è stata portata d’urgenza al pronto soccorso di Romano e rimandata al medico curante con la diagnosi di dolore toracico e con prescrizione di terapia antidolorifica». Sulla vicenda ha voluto aprire una inchiesta interna anche l’Asst di Bergamo Ovest per fare chiarezza su tutta la vicenda. La donna è la madre di un ragazzo che nel novembre del 2017 provocò un incidente stradale a Palosco (l’auto finì contro un muro) in cui persero la vita un 13enne di Rudiano e un 17enne di Palosco . •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1