il caso

Desenzano, anziano aggredito e rapinato in pieno giorno: pugno in faccia e catenina strappata

di Alessandro Gatta
Fermato per strada con una scusa da due giovani, in via San Benedetto: dopo la denuncia di un 85enne indaga la Polizia di Stato
Il Commissariato di Desenzano: la Polizia indaga sulla rapina dopo la denuncia depositata dalla vittima
Il Commissariato di Desenzano: la Polizia indaga sulla rapina dopo la denuncia depositata dalla vittima
Il Commissariato di Desenzano: la Polizia indaga sulla rapina dopo la denuncia depositata dalla vittima
Il Commissariato di Desenzano: la Polizia indaga sulla rapina dopo la denuncia depositata dalla vittima

Anziano aggredito e rapinato in pieno giorno in via San Benedetto a Desenzano, mentre camminava a due passi da casa: è successo mercoledì pomeriggio sulla strada che dalla Scattolina porta in direzione Capolaterra. Intorno alle 15 un pensionato di 85 anni, che appunto abita in zona, è stato avvicinato da due giovani di circa 20 anni, probabilmente stranieri, che hanno finto di chiedergli informazioni per raggiungere un vicino supermercato: l'anziano ha risposto cortesemente e poi ha ripreso la passeggiata. Ma pochi istanti dopo è stato aggredito e bloccato alle spalle. Uno dei due rapinatori lo ha colpito alla testa con un pugno, facendolo cadere a terra, e gli ha strappato dal collo una collanina d'oro dal discreto valore economico (la vittima riferisce che potesse valere fino a 2 mila euro) oltre che di valore affettivo. Poi i due delinquenti si sono dati alla fuga, scappando a piedi proprio in direzione Capolaterra, facendo perdere le proprie tracce. Non è dato sapere, al momento, se qualcuno li abbia visti scappare o abbia assistito alla scena. Nel frattempo l'anziano, che era ancora a terra sul marciapiede, ha gridato e chiesto aiuto: è stato soccorso da due residenti, allertati dalle urla, che hanno anche chiamato il 112. In pochi minuti sul posto è arrivata un'ambulanza, ma per fortuna l'85enne stava bene: non è stato né ricoverato né refertato. Ma insieme ai sanitari è arrivata anche una pattuglia della Polizia di Stato, dal locale Commissariato: gli agenti hanno raccolto in tempo reale la testimonianza della vittima, poi ieri nel primo pomeriggio il pensionato si è presentato al comando di via Dante per sporgere denuncia, accompagnato dalla moglie. Si indaga per rapina: i due ignoti fuggitivi per ora restano senza nome, ma si lavora alla raccolta di altre eventuali testimonianze e con le immagini delle telecamere di videosorveglianza (che però non ci sono sul luogo della rapina). La notizia è stata rilanciata su Facebook da un residente di via San Benedetto, che ha chiesto alla piazza social se qualcuno avesse visto qualcosa, e in caso di contattare subito la Polizia. Si sono concluse intanto le indagini per un altro evento violento, avvenuto circa un mese fa in centro a Rivoltella. Qui che un residente di origini rumene era stato aggredito sulla porta di casa da un giovane armato di coltello, che con una lama di una dozzina di centimetri gli aveva procurato ferite a un braccio prima di scappare. Grazie alle indagini, l’aggressore è stato individuato e arrestato dagli agenti del Commissariato: è un 20enne italiano che abita a Desenzano. Per lui è stato disposto il fermo di polizia giudiziaria, con la misura cautelare degli arresti domiciliari in attesa del processo, visto il rischio di fuga: è accusato di lesioni aggravate. Il movente sarebbe riconducibile a un presunto debito, di circa 200 euro. •.