CHIUDI
CHIUDI

08.11.2019

Dal Tar Lazio stop al ricorso sul progetto

Sarebbe stato interessante sentire il giudizio di merito di un Tribunale amministrativo sul progetto definitivo della Tav Brescia-Verona, impugnato al Tar del Lazio da un vasto fronte composto da una cinquantina di soggetti tra associazioni e comitati, privati cittadini destinatari di espropri di terre o fabbricati, consorzi e soggetti istituzionali fra i quali i Frati del Santuario del Frassino di Peschiera e il Comune di Desenzano. Ma anche questo ricorso (come altri due in precedenza) è stato giudicato «inammissibile» perché, sintetizzando all’osso le 25 pagine di sentenza, accomuna in un unico ricorso soggetti e interessi troppo diversi. L’ECCEZIONE di illegittimità era stata sollevata, all’udienza del 9 ottobre a Roma, dagli avvocati del consorzio CepavDue, tesi accolta dai giudici del Tar Lazio che il 5 novembre hanno pubblicato la sentenza. Forse è l’atto finale della lunga battaglia legale, anche se di fatto i giudici non si sono mai pronunciati sul merito dei presunti aspetti di illegittimità del progetto.

V.R.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1