IL CASO

«Desenzanino», la spiaggia riapre ma col divieto (disatteso) di balneazione

Nonostante il divieto la gente fa il bagno nelle acque della spiaggia Desenzanino
Nonostante il divieto la gente fa il bagno nelle acque della spiaggia Desenzanino
In acqua con il divieto di balneazione

La spiaggia del Desenzanino ieri pomeriggio ha finalmente riaperto, ma c'è già l'inghippo: sul litorale sventola la bandiera rossa del divieto di balneazione, in quanto Ats (a seguito di prelievi effettuati un paio di giorni fa) ha riscontrato la «non conformità» delle acque. Insomma niente tuffi fino a nuovo ordine, come da ordinanza del sindaco pubblicata proprio ieri ed evidenziata (forse nemmeno troppo chiaramente) dalla cartellonistica, bellamente ignorata dai bagnanti, come mostrano le immagini riprese da un lettore..  Pare che un secondo prelievo delle acque abbia già dato esito positivo. A breve (forse lunedì) potrebbe essere fatto il  terzo (e ultimo) test per il definitivo  via libera. 

La spiaggia è stata  ampliata di quasi quattromila mq, ora una delle più grandi del lago, nell'ambito dei lavori di restyling del lungolago (da 1,1 milioni di euro) che interessano anche il rifacimento e l'ampliamento della passeggiata, fino alla cabina dell'acquedotto. Su quel fronte, il cantiere è ancora in corso: e proprio la prossimità tra i due cantieri ha complicato le cose. Almeno fino a giovedì sera, quando è stato convocato il sopralluogo (decisivo) tra gli attori interessati: la direzione lavori, il Comune di Desenzano, l'Autorità di Bacino. Si è optato per una «consegna parziale» dell'opera, con la netta separazione delle due zone di cantiere. Tradotto: via le transenne dalla spiaggia, mentre la passeggiata potrebbe essere pronta per i primi di giugno: «I lavori hanno avuto qualche ritardo - spiega il consigliere comunale Paolo Abate, del Cda dell'Autorità di Bacino - a causa della difficoltà nel reperire i materiali, un problema di forniture che purtroppo in questo periodo riguarda tutte le aziende e tutte le opere».

Via le transenne dalla spiaggia libera e tempo pochi minuti si è scatenata una prima e pacifica invasione di passanti e bagnanti. Il Comune in giornata ha completato gli ultimi ritocchi, la posa dei cartelli per il divieto di balneazione e dei cestini per la raccolta dei rifiuti. Si prepara a riaprire anche il chiosco gestito dalla coop La Cascina, che si occupa anche del vicino ristorante. Parere favorevole anche per l'affidamento provvisorio della gestione, alla stessa coop, di parte del nuovo arenile ampliato. Insomma è tutto pronto per la bella stagione. •.