CHIUDI
CHIUDI

16.01.2020

Ancora solidarietà ai lavoratori Penny «Difendere i diritti»

Le quattro sedie vuote con i nomi degli operai e dei sindacalisti
Le quattro sedie vuote con i nomi degli operai e dei sindacalisti

Quattro sedie vuote, con i nomi di operai e sindacalisti per cui il Gip ha firmato il divieto di dimora a Desenzano in seguito ai picchetti davanti al magazzino del Penny market, come risposta al licenziamento di 11 lavoratori. Con questa provocatoria installazione, la sinistra extra-consiliare esprime «sostegno e solidarietà» ai lavoratori del magazzino, ai sindacalisti e ai solidali (in tutto una trentina) denunciati a seguito delle azioni di protesta delle ultime settimane. Al Caffè dell’Interdetto in piazza Malvezzi, ieri mattina, la conferenza stampa congiunta di Collettivo gardesano autonomo, Sinistra d’azione, Rifondazione comunista e Garda diritti: «Ci sentiamo in dovere di sostenere i lavoratori in lotta - spiegano – condannando i provvedimenti repressivi nei loro confronti. Altrettanto grave che a Desenzano nessuno si sia mosso: facciamo appello alle forze politiche locali, che si sveglino e scendano in campo la democrazia». •

A.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1