CHIUDI
CHIUDI

17.11.2019

Per i licenziati Penny solidarietà da sinistra

Una lettera di aperta solidarietà ai lavoratori e di biasimo per come è stata gestita la vertenza a livello istituzionale, arriva da partiti politici e associazioni dell’area di sinistra: il tema è il licenziamento 11 operai dal magazzino logistico di Desenzano che serve la catena Penny, con sgombero dei picchetti ai cancelli da parte della forza pubblica. «Prelevare con la forza i lavoratori e il loro rappresentante sindacale per condurli nella caserma dei carabinieri, è è un vecchio strumento della repressione padronale contro i diritti dei lavoratori e la dignità del lavoro». Lo scrivono Francesco Gismondi per Sinistra d’azione, Giuseppe Mori per Rifondazione comunista basso Garda, Giancarlo Menegato per Articolo Uno e Giuseppe Bongiorno di Garda Diritti. Seguono la richiesta a Penny Market di adoperarsi per il reintegro dei licenziati, e a tutti i cittadini di Desenzano a sostenere i lavoratori partecipando a prossime iniziative di solidarietà. •

A.GAT.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1