CHIUDI
CHIUDI

28.10.2020

Disordini e
minacce, la folle
notte del branco

Ancora ragazzini ubriachi  protagonisti di atti vandalici e schiamazzi
Ancora ragazzini ubriachi protagonisti di atti vandalici e schiamazzi

Minacce ai residenti, bestemmie urlate a squarciagola, insulti alle forze dell’ordine e danneggiamenti. È la notte di follia di una maxi compagnia di giovanissimi che violando il coprifuoco ha creato disordini nel centro di Bedizzole. L’ALTRA SERA, poco dopo le 23 una cinquantina di ragazzi si è data appuntamento tra la piazzetta XXV Aprile e via XX Settembre. Erano visibilmente ubriachi: probabilmente avevano fatto scorta di alcolici in supermercato perché sono state ritrovate molte bottiglie di vodka vuote. A un certo punto - senza un motivo - i giovani si sono scagliati contro le saracinesche abbassate dei negozi prese a calci. Qualcuno ha sputato e cercato di danneggiare anche i serramenti della farmacia di via XX Settembre. Alcuni residenti si sono affacciati alle finestre cercando di calmare il «branco», ma per tutta risposta sono stati minacciati dai ragazzi che tra l’altro non indossavano le mascherine. A quel punto qualcuno ha allertato la centrale operativa dei carabinieri: sul posto oltre a una pattuglia dell’Arma è arrivata la Polizia locale. Ma i vandali in un primo momento, non sono fuggiti. Anzi hanno iniziato a inveire contro carabinieri e agenti con slogan e insulti. Poi si sono sparpagliati correndo in viale della Libertà, dove si trova il castello. Complice il buio e le stradine strette che si dipanano attorno al maniero sono riusciti a far perdere le proprie tracce. Ma dovrebbe trattarsi di questione di ore per la loro identificazione, considerando che nella zona teatro dei disordini è puntata una telecamera della rete di videosorveglianza comunale. L’occhio elettronico avrebbe dovuto immortalare i protagonisti del raid. I FILMATI SARANNO analizzati da carabinieri e Polizia locale per fare luce su quello che è accaduto tra la strada e la piazzetta del paese. Un episodio che, oltre a infastidire i residenti, ha creato non pochi disagi ai negozianti che hanno dovuto fare i conti con i danni e i rifiuti abbandonati. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Valerio Morabito
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1