CHIUDI
CHIUDI

25.04.2020 Tags: Tremosine sul Garda , Gargnano

Gardesana «bis» La super-galleria è già un problema

La stretta Statale Gardesana non basta più, ma il raddoppio già previsto tra Tignale e Gargnano presenta problemi di impatto dei cantieri
La stretta Statale Gardesana non basta più, ma il raddoppio già previsto tra Tignale e Gargnano presenta problemi di impatto dei cantieri

Luciano Scarpetta Da inizio febbraio è praticamente pronto il progetto definitivo del nuovo tunnel sulla Gardesana tra Gargnano e Tignale, opera necessaria per decongestionare il traffico dell’unica strada che percorre l’alto lago da nord a sud. In attesa del riavvio dell’iter progettuale per giungere al progetto esecutivo, si discute adesso su dove mettere l’enorme mole di materiale di costruzione e quello asportato dalle gallerie che si è pensato di portare alle ex cave in località Sopravie a Tignale. IL QUANTITATIVO di materiali di scavo della galleria da smaltire è stimato in 400 mila metri cubi di cui 330 mila da stoccare a Tignale. «Una cifra esorbitante – ha chiarito in consiglio comunale il sindaco Daniele Bonassi -: vorrebbe dire che nei 1300 giorni (4 anni) previsti, i lavori penalizzerebbero fortemente le nostre attività con una media di 60 camion al giorno per 4 anni che percorrerebbero le strade per l’attività di carico e scarico». Per questo il sindaco ritiene necessario avere una consultazione con gli altri sindaci e con la Comunità montana: «La galleria è certo fondamentale per Tignale e Gargnano, ma è di vitale importanza per tutta la riviera». Dei complessi 89 milioni di euro che il Ministero ha messo a disposizione per la realizzazione dell’opera, il cui costo è di 72 milioni, circa 9 sono per l’indennizzo dei comuni penalizzati dai lavori. Ipotesi alternative? «Un luogo strategico per collocare le rocce di scavo potrebbe essere la frazione di Campione di Tremosine e più esattamente l’area dell’ex opificio, distante solo 3 chilometri dal futuro cantiere contro i 9 di Tignale: meno traffico di camion sulla Gardesana. Una soluzione sarebbe l’acquisto o l’esproprio di quell’area da parte di Anas con i 9 milioni messi a disposizione». Gli scavi del tracciato a sud della galleria saranno invece trasferiti nelle discariche di Muscoline e Bedizzole. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1