CHIUDI
CHIUDI

22.11.2019

Autorizzati dal Cipe i lavori per il segmento ovest della Tav

L’Alta velocità ferroviaria del lago Garda ha subito ieri un brusco e improvviso colpo di acceleratore. Il Cipe ha autorizzato l’avvio dei lavori di un lotto della Tav Brescia-Verona e ha approvato il progetto preliminare del nodo di Verona, uno dei passaggi più delicati e complessi dell’alta velocità. Il progetto in questo caso prevede la sistemazione dell’ingresso Ovest verso la città scaligera, relativo alla linea ferroviaria Torino-Venezia. Il Cipe ha approvato il riparto per l’esercizio 2019 delle risorse destinate al co-finanziamento dei Nuclei di Valutazione e verifica degli investimenti pubblici istituiti presso le Amministrazioni centrali e le Regioni e per le cosiddette «funzioni orizzontali» e ha approvato Operazioni e rischi assicurabili da Sace. Al netto del burocratese, il progetto relativo alla tratta veronese avrà a disposizione un budget di risorse più consistente. Nulla cambia, o quasi, per il tratto Bresciano: i cantieri, è stato confermato entreranno nel vivo nel giro di qualche mese. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1