CHIUDI
CHIUDI

25.03.2019

«Il Sentiero di Cinzia», le escursioni senza barriere del Cai di Gavardo

Escursioni in montagna per disabili con la sedie a rotelle   «Joelette»
Escursioni in montagna per disabili con la sedie a rotelle «Joelette»

Sul programma del Club Alpino di Gavardo si trovano alcune gite, facili, raggruppate sotto un titolo: Il Sentiero di Cinzia. Cinzia era una ragazza «appassionata di montagna» come racconta Angiolino Goffi, attuale presidente del sodalizio. «Rimasta paraplegica in seguito ad una malattia era ricoverata alla Domus Salus dove lavoravo come fiosioterapista. Un giorno mi chiese se esisteva qualche possibilità per lei di tornare in montagna senza l'uso delle gambe. Con un groppo in gola le risposi di sì anche se ero convinto di no». Ma gli alpinisti sono caparbi e Goffi, dopo qualche ricerca, discussioni anche aspra al Cai- qualcuno non ne voleva sapere ma fu aiutato dall'allora presidente Angiolino Maioli e dall'entusiasmo di tanti soci-, superate difficoltà burocratiche e economiche con il Gavardo Calcio e numerosi donatori privati resero possibile il progetto, si procurò due sedie Joelette. Si trattava di carrozzine speciali inventate da un alpinista francese rimasto paralizzato dopo un infortunio. Così, dal 2014, sull'opuscolo della attività del Cai appare puntualmente una pagina con I Sentieri di Cinzia. Che non sono sempre facilissimi. «Da quelle prime esperienze poi - continua Goffi - ci siamo ampliati facendo partecipare a queste gite anche disabili che possono camminare da soli e che richiedono a noi meno fatica». Certo che vederli usare corde, tirare, spingere, sollevare, spostare su terreni anche sassosi quelle carrozzine che hanno un bel peso, rende bene l'idea del sacrificio e della passione che impiegano questi «angeli dei disabili che vogliono continuare a vivere le montagne». Ambizioso progetto per il 2019: il Cammino di Santiago con due disabili in carrozzina. Una balle faticata a testimoniare che lo spirito di solidarietà degli appassionati di montagna non si ferma mai. Anche se oggi la solidarietà sembra non essere più di moda. •

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1