CHIUDI
CHIUDI

06.12.2019

La ciclovia del Garda pedala verso il futuro

I percorsi ciclabili sono diventati il valore aggiunto dell’alto Garda La ciclovia a strapiombo sul lago di Limone è un’attrazione mondiale
I percorsi ciclabili sono diventati il valore aggiunto dell’alto Garda La ciclovia a strapiombo sul lago di Limone è un’attrazione mondiale

Una giornata da ricordare, quella appena trascorsa, per il cicloturismo sulla sponda bresciana del Garda e, in generale, per la mobilità sostenibile dell’intero comprensorio. La Giunta regionale lombarda ha approvato l’accordo di collaborazione con la Regione Veneto e la Provincia Autonoma di Trento per la progettazione e la realizzazione della Ciclovia del Garda. IL PROGETTO dell’intero circuito del lago ha l’obiettivo di realizzare una dorsale interregionale di circa 140 km in grado di conseguire importanti obiettivi nei settori turistico, del ciclismo sportivo, della mobilità sostenibile e della multimodalità. La delibera proposta dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Claudia Maria Terzi, con l’assessore al Turismo Lara Magoni, definisce la ripartizione tra i firmatari della prima quota di finanziamento statale, 1,6 milioni di euro totali, assegnati dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti. Alla Regione Lombardia spettano 538.940 euro, da utilizzare per predisporre il progetto di fattibilità tecnica ed economica. Analoga somma è concessa a Veneto e Trentino. «Il cicloturismo è in crescita - ha detto l’assessore Terzi - va incentivato con infrastrutture adeguate. Sempre più persone e famiglie scelgono di trascorrere una o più giornate o la vacanza in bici, puntando su itinerari specifici che offrano l’opportunità di pranzare in qualche agriturismo o ristorante tipico e fruire dei prodotti e delle bellezze del territorio. La Ciclovia del Garda può costituire un valore aggiunto per l’economia locale». PER L’ASSESSORE Magoni «la ciclovia del Garda, risponde ad una serie di requisiti che la rendono ancora più attrattiva - ha detto -: intermodalità con altri sistemi di trasporto, in particolare il sistema fluviale, ferroviario e lacuale, interconnessione con altri itinerari cicloturistici e valorizzazione del patrimonio artistico, naturalistico ed enogastronomico dei territori». Riprende slancio dunque, il progetto da 105 milioni di euro destinato a dare forma a una rete di ciclabili per oltre 140 chilometri. Due terzi sono già più o meno realizzati, soprattutto nel medio e basso lago. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Luciano Scarpetta
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1